Alla scoperta del Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara

Il Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara è una delle aree verdi più affascinanti della provincia di Arezzo e si trova proprio in Valtiberina. Una distesa di rocce che affiorano in mezzo alle colline proprio a pochi km da Anghiari, uno dei borghi più belli d’Italia. Rocce dal colore scuro, alte come monti, che affiorano tra campi di fieno e di papaveri e che sembrano nascondere la dolcezza del paesaggio tipico toscano.

Monti aspri in superficie e delicati nel cuore, monti che quasi incutono timore ma che nascondono tesori. Le sue gemme sono le “ofioliti”, ovvero le “pietre dei serpenti”, preziosi minerali dai colori stupefacenti che cambiano al sole, alla pioggia e al chiaro di luna.

I Monti Rognosi si trovano a nord-ovest rispetto ad Anghiari  tra l’Alpe di Catenaia, a nord di Arezzo, e la catena appenninica. Il nome trae origine dall’aspetto brullo e pietroso di questi monti, che ne dici di andarli a scoprire insieme?

 

La Geologia dei Monti Rognosi

I Monti Rognosi si differenziamo per la particolare composizione geologica: sono infatti costituiti interamente da ofioliti, dal greco ophis (serpente) e lithos(roccia), quindi roccia del serpente, di origine magmatica di colore verde scuro e nero sulle quali cresce una vegetazione unica, con specie endemiche e specializzate.

Le rocce di questo genere hanno avuto notevole rilevanza per l’uomo che le ha sfruttate per ricavare minerali di rame e materiale lapideo.

Infatti proprio nella zona un tempo erano presenti diverse miniere che hanno contribuito a rendere questa zona un importante centro di incontro, di transito e di scambio nei tempi passati.

Il parco dei Monti Rognosi è infatti attraversato dalla Via Ariminiensis, la strada che collegava Arezzo a Rimini già in epoca romana e che attraversava proprio il  piccolo abitato rurale di Ponte alla Piera dove ti consiglio di fare un salto se non altro per vedere il piccolo ponte romano.

La stessa strada è rimasta nei secoli quasi immutata e viene percorsa dai pastori durante la transumanza delle greggi verso i pascoli della Maremma (strada Maremmana).

 

La Fabbrica della Natura – Parco Monti Rognosi

La Fabbrica della Natura è il Centro Visita e di Educazione Ambientale della Riserva Naturale dei Monti Rognosi e rappresenta il punto di riferimento per la conoscenza del Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara.
Questo è un luogo davvero speciale per grandi e piccini perché permette di iniziare a prendere confidenza con tutto il territorio circostante, la sua fauna e la sua flora. Giochi didattici, piante rare, filmati che renderanno il tuo percorso ancora più affascinante. Inutile dire che i miei bambini non volevano più andar via.
Abbiamo avuto la fortuna di essere accompagnati da Lorenzo, guida naturalistica del parco in questo percorso davvero interessante.
Molto interessante anche il calendario di attività di educazione ambientale rivolto a tutti i visitatori che vengono svolte sia individualmente che per gruppi organizzati.
la fabbrica della natura
Orari di apertura
Da Aprile a Ottobre:
Domenica e festivi 9,30 – 12,30
(chiuso a Pasqua, 1°Maggio, Ferragosto)
Biglietto ingresso la Fabbrica della Natura
Intero: 2 euro
Ridotto: 1 euro (gruppi da 15 persone, studenti di ogni ordine e grado, Valtiberina Musei e Parchi Pass)
Gratuito : bambini fino a 6 anni
Per prenotare una visita fuori dagli orari è possibile visitare il Centro Visita chiamando:
Tel. +390575787023
Mail: natura@toscanadappennino.it

la fabbrica della natura bambini

I sentieri del Parco dei Monti Rognosi

Nel Parco dei Monti Rognosi e della Valle del Sovara sono diversi i sentieri che si possono percorrere e diverse le difficoltà e distanze.

Ci sono itinerari adatti anche ai bambini e piacevoli percorsi da affrontare a piedi, in bicicletta o anche a cavallo. Nel sito della Toscana Appennino trovate percorso, difficoltà, tempo di percorrenza e anche una traccia Gps, io mi limito ad elencarli uno dopo l’altro e poi per qualsiasi approfondimento vi rimando al sito del Parco dei Monti Rognosi,  www.toscanaappennino.it

1 – Passeggiare sul fondo dell’oceano – Geologia e paesaggi ofiolitici nei Monti Rognosi

Partenza dal parcheggio del “Conventino”

Lunghezza: 4,7 km;

Tempi di percorrenza: 2h;

Difficoltà: facile;

Target: famiglie;

 

2 – Le Erbe delle Fate vegetazione ofiolitica nei Monti Rognosi

Partenza dal parcheggio del “Conventino”

Lunghezza: 5 km;

Tempi di percorrenza, 1,5 h;

Difficoltà: facile;

Target: famiglie;

 

3 – Le miniere dei Monti Rognosi – La via delle Miniere

Partenza da “La Fabbrica della Natura”

Lunghezza: 9 km

Tempi di percorrenza: 3 h;

Difficoltà: media;

Target: escursionisti;

 

4 – La civiltà della castagna – Le vie del castagno

Percorso corto

Partenza dal “Castagneto Didattico”

Lunghezza: 4,00 km;

Tempi di percorrenza: 1,5 h;

Difficoltà: facile;

Target: famiglie;

Percorso lungo

Partenza da “La Fabbrica della Natura”

Lunghezza: 12,5 km;

Tempi di percorrenza: 4,5 h;

Difficoltà: media

Target: escursionisti;

Adatto anche per Mountain Bike

 

5 – San Francesco e il suo saio – San Francesco e il Castello di Montauto

Partenza da “La Fabbrica della Natura”

Lunghezza: 11 km;

Tempi di percorrenza: 4 h;

Difficoltà: media;

Target: escursionisti;

Adatto anche per Mountain Bike

Itinerari nei dintorni del Parco dei Monti Rognosi

La Valtiberina è un territorio che nasconde davvero tante meraviglie, dai borghi ai castelli, dai musei alle
opere d’arte, sono davvero tante le cose da fare e vedere nella Valtiberina.
Ti potrei parlare di uno dei borghi più belli d’Italia, Anghiari, per scoprirlo ti consiglio di leggere questo articolo,
5 cose da non perdere ad Anghiari, ti potrei parlare di Sansepolcro che racconto qui, 10 cose da non perdere a
oppure ti potrei far conoscere Monterchi e il capolavoro di Piero della Francesca, “La Madonna del Parto”.
Insomma ti potrei suggerire infiniti itinerari per scoprire questa zona e ti assicuro che ogni volta non ti annoieresti!
Oggi ti voglio dare anche un ulteriore itinerario che si snoda proprio nei dintorni del Parco tra castelli e
antiche pievi.
Allora ecco 5 tappe del nostro tour, inseriscile nel tuo itinerario e scoprirai luoghi dal fascino antico.

– Villa Barbolana – Tavernelle

La Villa risale al XVI secolo e ospitò persino Papa Clemente VII. La Barbolana, a pianta quadrata, è costruita in stile militare con massicci bastioni ed un’alta torre. La Villa Barbolana si annuncia e ammira già da lontano grazie alla sua posizione in cima ad una collina. La Barbolana oggi è una residenza privata ma già ammirarla solo dall’esterno è piacevole. Quando siamo passati noi era in fase di ristrutturazione.

villa barbolana

– Cenacolo di Montauto 

Un altro luogo ricco di fascino e storia è il Cenacolo di Montauto.
La casa è un antico convento cappuccino del XVI sec., le sue origini risalgono al passaggio di San Francesco dopo che a La Verna aveva ricevuto le Stimmate. Si trova poco più avanti rispetto alla Villa Barbolana, sulla stessa strada in alcuni punti dissestata ma facilmente percorribile con un po’ di attenzione.
Si trova in una splendida posizione ma purtroppo anche in questo caso non siamo riusciti ad accedere all’interno. Questo è spesso il luogo dove i fedeli si ritirano per esercizi spirituali.
Per saperne di più Cenacolo di Montauto

– Castello di Galbino

Nascosto nelle colline di Arezzo si trova il magico Castello di Galbino, un grande e accogliente castello circondato da campi. Questa è una delle dimore costruite dalla famiglia dei Galbino. Oggi il castello è proprietà privata ma vale davvero la pena arrivarci perché il luogo è davvero affascinante.

castello di galbino

– Pieve di Santa Maria di Sovara

La Pieve rappresenta uno degli esempi meglio conservati di architettura romana nella Valtiberina. All’interno è conservata parte dell’antica torre di facciata che data la fondazione dell’edificio al X – XI secolo. Anche la Pieve nei giorni infrasettimanali è chiusa ma se vai la Domenica mattina e ti fermi per la messa (h. 11,00) potrai ammirare questo gioiellino più da vicino.

Pieve Santa Maria di Sovara
Via della Fossa, 52031 Anghiari AR

– Castello di Toppole

Lo chiamavano anche il “comunello medievale” e al centro di Toppole si trova la Chiesa di San Clemente. Ha un fascino antico questo borgo minuscolo ma purtroppo l’impianto primitivo non è più leggibile.

Merita comunque una visita.​

castello di toppole

Dove mangiare nel Parco dei Monti Rognosi

Proprio all’interno del Parco dei Monti Rognosi si trova “L’Osteria del Viandante”. Il ristorante è gestito dalla famiglia Manfroni che accoglie i suoi ospiti e li guida alla scoperta di prodotti ed eccellenze del territorio.
La cucina dell’Osteria è della tradizione locale ma viene interpretata e servita con un tocco moderno.
In questo luogo tutto è fatto in casa, dal pane alla pasta fino ai dolci.
Ecco perché sedendoci alla tavola dell’Osteria abbiamo avuto il piacere di riscoprire sapori semplici e genuini serviti in maniera elegante. Abbiamo degustato il menù della tradizione ad un prezzo davvero economico vista la qualità dei piatti serviti. Con appena 25 euro abbiamo assaggiato dall’antipasto al dolce e degustato del buon Chianti. Devo dire che anche i nostri bambini hanno gradito molto!
Il ristorante si trova immerso nel verde e ha attorno a sè tanti sentieri per passeggiate immersi nella natura.
Assolutamente consigliato.
L’Osteria è aperta dal Giovedì al Sabato e prefestivi la sera, Domenica e festivi pranzo e cena.
È gradita la prenotazione.
Osteria del Viandante 
Località Cerreto, Ponte alla Piera, 11 – 52031 Anghiari (Ar)
Tel 0575 723016 – 334 3622898

Dove dormire nel Parco dei Monti Rognosi

Abbiamo avuto la fortuna di passare 4 giorni immersi nel verde del Parco dei Monti Rognosi in uno dei casali della Locanda del Viandante, il Casale di Mezzo, uno dei 3 casali della Locanda del Viandante oltre al Casale di Sopra e al Casolare di Cerreto.

Per chi come noi quando è in vacanza ama la tranquillità e il relax assoluto è davvero il luogo ideale.

La mattina erano gli uccellini a darci il buongiorno, i nostri bambini appena svegli non vedevano l’ora di rincorrersi e di rotolarsi sul prato soffice più di un tappeto.

casolare verde locandaIl sole ha riscaldato le nostre giornate rendendole ancora più belle  e nei momenti di relax l’unico pensiero era quello di stendersi al sole, leggere un bel libro o semplicemente ammirare il panorama.

La locanda del Viandante offre deliziosi appartamenti, completi di ogni cosa compresa addirittura la lavastoviglie, barbecue e tavolini per mangiare all’aria aperta.
C’era anche una piscina a pochi passi dal Casale ma vista la stagione non abbiamo avuto la fortuna di apprezzarla. Solo una scusa in più per tornare tra questi monti.
la locanda del viandante casolare
Locanda del Viandante 
Località Cerreto – Ponte alla Piera, 11 Anghiari (AR)
Tel. +39.0575.723016
Per info e prenotazioni  www.locandadelviandate.com
Se ti è piaciuto questo articolo e ti è stato utile per organizzare il tuo viaggio condividilo con i tuoi amici e non dimenticarti di cliccare mi piace alla pagina Facebook Viaggi e Sorrisi, ti porteremo con noi a spasso per l’Italia e per il Mondo.

la fabbrica della natura parco dei monti rognosi arezzo anghiari

Per saperne di più 

Si ringraziano per la collaborazione l’Ufficio Turistico Valtiberina in Toscana, Lorenzo della Fabbrica della Natura e La Locanda del Viandante

Ti potrebbe interessare...

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il Tuo commento una volta scritto, verrà moderato da Viaggi e Sorrisi. Una volta approvato sarà disponibile on line.