5 cose da non perdere a Bibione e dintorni

Bibione è un’immensa distesa dorata di sabbia, è l’abbraccio intenso tra la laguna e il mare, è la meraviglia che offre una natura ancora selvaggia e incontaminata. Bibione è una frazione di San Michele al Tagliamento e si trova a pochi km da una delle città più belle del mondo, Venezia.

Prima di arrivare a Bibione avevo, come mio solito, studiato la destinazione ma mai immaginavo di trovare tanta bellezza. La spiaggia di Bibione tra l’altro è seconda solo a Rimini per numero di presenze.

Ma che ne dici di andare a scoprire cosa non perdere durante la visita?

bibione lingua di mare

Cosa fare e vedere a Bibione

1 – Nuotare insieme ai cigni

Ma lo sai che a Bibione non è difficile avere la fortuna di incontrare proprio in riva al mare dei bellissimi cigni?

E ti assicuro che l’incontro riesce ad emozionare davvero tutti! Bibione è stata premiata anche quest’anno con la bandiera blu che si aggiunge alle altre 26 già conquistate in precedenza e che riconoscono non solo la qualità delle acque che sfruttano un impianto di depurazione ma anche i tanti servizi a disposizione degli ospiti. A Bibione le spiagge sono molto ampie, di sabbia dorata, mentre il fondale scende dolcemente, ideale per i bambini. Le spiagge sono molto curate, con servizi igienici adeguati e accessibili a tutti e in alcuni stabilimenti è possibile avere a disposizione servizi all’avanguardia. In spiaggia è possibile praticare una molteplicità di attività sportive o starsene comodamente sdraiati a prendere il sole. Gli ombrelloni sono ben distanziati e a tratti di spiaggia libera si alternano tratti di spiaggia attrezzata. La pulizia della spiaggia è accurata e attenta, in alcuni stabilimenti la presenza di fioriere dona un tocco di magia agli immensi spazi in riva al mare.

bibione mare cigni

2 – Godersi meravigliosi tramonti in laguna 

La parte più ad ovest di Bibione si chiama Bibione Pineda ed è un’oasi immersa nel verde dove è possibile ammirare l’incontro tra la laguna e il mare. Pineda un tempo era anche il nome di Bibione, nome che deriva  dalla vasta pineta di pini marittimi che ancora oggi sono presenti in questa zona.

Una delle cose che mi ha riempito gli occhi e il cuore di meraviglia e che difficilmente dimenticherò è quel tramonto in laguna, quel suono di pianoforte e quei mille colori che si riflettevano in un cielo così affascinante da commuovermi.

tramonto da favola bibione

L’immagine che vedi è stata scattata al ristorante “Ai Casoni”, un luogo che profuma di passato. I Casoni sono antiche costruzioni tipiche dei pescatori fatte di canne palustri e legno.  Sono abitazioni rustiche immerse nella natura alle foci del Tagliamento, poco distanti dal centro di Bibione. Un tempo erano le dimore dei pescatori e oggi sono state trasformate in parte in dimore di charme dove trascorrere momenti indimenticabili a contatto con la natura.

bibione ai casoni

Mangiare al ristorante dei Casoni è uno di quelle cose da fare almeno una volta nella vita. La location è così bella che viene scelta non solo per romantiche cene a lume di candela ma anche come location esclusiva per matrimoni.

ristorante ai casoni bibione

3 – Scoprire la bellezza della laguna in barca

Dal Porto di Baseleghe partono ogni giorno numerose escursioni per visitare il mare, la laguna, le isole vicine e scoprire il meraviglioso ecosistema in un modo unico e divertente soprattutto per grandi e piccini.

a perla nera bibione galeone dei pirati

Noi abbiamo avuto il piacere di scoprire questa zona salendo sul galeone dei Pirati.

 

Sì hai letto bene, siamo saliti proprio sulla nave dei pirati, la Perla Nera, e abbiamo fatto un’escursione davvero unica che ci ha dato la possibilità di goderci questa zona. Nel galeone il divertimento per i piccini è assicurato grazie all’animazione divertente e spettacolare dei pirati, con giochi musica e balli.

galeone dei pirati

Insomma un’esperienza fantastica e consigliata per grandi e piccini. La navigazione permette anche di vedere il Faro dal mare e un tratto di costa ancora incontaminato, la Valle di Bibione.

faro di bibione

La Valgrande è un’immensa valle da pesca che si distende per un’area di 360 ettari nella verde porzione di terreno adiacente a Via Baseleghe, un territorio straordinariamente ricco di flora e fauna selvatica.

Un luogo voluto e creato dall’uomo che da secoli si regge sul perfetto equilibrio tra l’uomo e l’ambiente naturale. Potrai andare alla scoperta di questo territorio in modalità slow percorrendone i sentieri a piedi, in bici o a cavallo.

Insomma la Valgrande è un territorio assolutamente tutto da scoprire.

bibione laguna

 

Info utili per la Perla Nera

4 – Passeggiare a piedi o in bici tra scoiattoli e verde, tra mare e laguna

Esiste a Bibione un modo slow di immergersi tra il mare e la natura, che tu abbia il piacere di passeggiare a piedi o in bicicletta i percorsi a te riservati sono davvero tanti. A Bibione ci sono delle piste ciclabili che permettono di raggiungere ogni zona del lungomare e di attraversare il centro del paese.

Il litorale di Bibione è collegato da una lunga pista ciclabile che unisce la zona di Bibione Pineda al faro di Bibione. Quest’ultimo merita sicuramente una visita visto il suo fascino. Il posto è così caratteristico e piacevole che viene scelto da tante coppie che proprio qui celebrano il loro matrimonio.

bibione faro

Il faro di Bibione è visitabile dal 1 Maggio al 30 Settembre dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. L’ingresso è gratuito.

Per tutti gli appassionati delle quattro ruote da segnalare anche la pista ciclabile Giratagliamento che lungo l’argine costeggia il fiume Tagliamento e collega Bibione a San Michele al Tagliamento. Inoltre ci sono delle stradine poco trafficate che permettono di arrivare a Caorle in tranquillità.

pista ciclabile bibione

Mentre passeggi a piedi o in bici mi raccomando fai molta attenzione…potrebbero attraversarti dei simpatici scoiattolini, ce ne sono davvero tanti nella zona!

scoiattoli bibione

5 – Divertirsi come bambini in uno dei parchi della zona

Tra Bibione e Lignano ci sono diverse attrazioni per grandi e piccini, dal Luna Park di Bibione al Gulliverlandia, dal parco acquatico Acquasplash al parco Junior di Lignano.

Insomma il divertimento non manca di sicuro tra le aree attrezzate con giochi per i più piccini e quelle immerse nel verde dei parchi giochi.

giochi in spiaggia

Assolutamente da non perdere una visita al Parco Zoo Punta Verde, un’esperienza talmente emozionante che il suo ricordo mi resterà per sempre nel cuore. Il Parco è un giardino zoologico ed ospita oltre 1000 animali appartenenti a 150 specie diverse, provenienti da ogni parte del mondo.

fenicotteri parco zoo punta verde

Molto curato, pulito e con tantissime schede dettagliate che permettono di conoscere al meglio ogni animale ospitato, lo Zoo di Punta Verde partecipa anche agli EEP, programmi di riproduzione di specie minacciate, seguendo specifici piani di gestione delle specie. La nostra giornata al parco è stata rilassante ed istruttiva, immersa nel verde dei vialetti circondati da laghetti.

parco zoo punta verde

Al Parco Zoo c’è la possibilità di partecipare ad alcune visite specifiche come ad esempio l’incontro ravvicinato con i lemuri o le giraffe. 

giraffe parco zoo punta verde

Inoltre al parco ci si può fermare nelle aree picnic per fare pranzo o merenda e nelle aree giochi per far divertire i bambini. Presenti all’interno del parco anche un ristorante e un negozio di souvenir.

Insomma anche questa visita è assolutamente consigliata.

Informazioni utili

Il parco si trova in Via G. Scerbanenco, 19/1 – I-33054 Lignano Sabbiadoro

Contatti

tel. 0431-428775
e-mail: info@parcozoopuntaverde.it

Biglietti 

Adulti  14 euro

Bambini da 3 a 11 anni 11 euro

 

Per ulteriori informazioni visita il sito Parco Zoo Punta Verde

Dati aggiornati a Luglio 2018

parco zoo punta verde visita

Curiosità – Bibione e la Valgrande

Quando narro di un territorio mi piace passare anche attraverso la gente del posto per raccontarlo in maniera più autentica. A Bibione grazie alle parole di Lorenzo Braida prima ed i racconti di Onfredo Angiolin poi ho avuto la fortuna di conoscere più da vicino la meraviglia della Valgrande.

Onfredo è il capovalle della Valle di Bibione e ci ha raccontato la sua vita fatta di sacrifici, di notti passate in valle già da piccolissimo quando suo padre lo tirava giù da letto per andare in valle ma anche di grandi soddisfazioni e di meraviglie.

vallegrande bibione

Onfredo è il guardiano di una valle da pesca di oltre trecentosessanta ettari di canneti, specchi lacustri, boschi e bacini da visitare solo a cavallo, a piedi, o al massimo in bicicletta. E’ lui che con il suo lavoro garantisce il delicato equilibrio dell’ecosistema.

Il ritmo della natura viene accompagnato dalle cure attente di Onfredo, dalla semina alla raccolta del pesce. A Primavera c’è la semina del pesce ma poi bisogna aspettare almeno tre anni per la raccolta.

Dal mare il pesce entra in valle attraverso delle chiaviche che vengono chiuse quando i pesci sono entrati. Una volta dentro il pesce deve essere costantemente tenuto sotto controllo, dalla temperatura dell’acqua alla concentrazione dell’ossigeno presente, è complicato e immenso il lavoro del capovalle.

E così di notte e di giorno è importante controllare tutti i parametri ed intervenire quando c’è qualcosa che non va. La gestione diventa ancora più difficile d’Inverno quando l’acqua gela e tutto diventa ancora più complesso.

vallegrande bibione

Valgrande è famosa per la fauna composta da daini, lepri, cavalli selvatici ma anche per la quantità di uccelli che qui trovano riparo e ospitalità. Ma per preservare questo ambiente Onfredo deve uscire in barca tutte le notti prima dell’alba e gettare la pastura in modo che gli uccelli possano mangiare e quindi rimanere in valle.

E’ per questo motivo che ormai da anni dai paesi del Nord sono in migliaia gli uccelli che si fermano in questa valle trovandoci un habitat perfetto ed evitando così di migrare verso l’Africa.

A Valgrande vengono anche i cacciatori da ogni parte del mondo che devono ovviamente rispettare regole precise. E spesso accade che lascino da parte il fucile per fare delle meravigliose escursioni alla scoperta di questa Valle incantevole.

La preoccupazione maggiore è quella che questa oasi selvaggia e incontaminata prima o poi non venga più seguita con la stessa passione e dedizione che oggi Onfredo nutre per il suo territorio. Nessuno oggi vuole fare questo lavoro pieno di sacrificio e di rinunce e sarà davvero difficile trovare un sostituto a questo grande Capovalle, con il rischio che tanta meraviglia possa andare perduta.

Spero che questo non accada mai e che il grande lavoro di Onfredo non vada perduto ma tramandato alle generazioni di oggi che altrimenti rischiano di dilapidare un tesoro immenso.

Lunga vita ad Onfredo ed alla Valle di Bibione!

vallegrande bibione

Dove dormire a Bibione

A Bibione siamo stati ospiti del Camping Capalonga che quest’anno festeggia i suoi 50 anni di attività.
Se dicono che è uno dei più belli d’ Europa vi assicuro che c’è più di un motivo. Il luogo è immerso nella natura e da un lato è possibile ammirare la natura, dall’altro il mare. Il camping è davvero organizzatissimo e il divertimento assicurato per grandi e piccini.

parco acquatico bibione capalonga

Il parco acquatico è un punto di riferimento per grandi e piccini dove abbiamo trascorso ore speciali tra giochi d’acqua e scivoli. Il campeggio è grande e la spiaggia è davvero ampia e attrezzata con ogni servizio, parco giochi per bambini e campi da gioco. All’interno del camping non manca nulla, bar, ristorante, supermarket e addirittura una pescheria. Location tra mare e laguna con un paesaggio mozzafiato. Una chicca del Camping è la Sea Well Beauty e SPA che riesce a rigenerare anche i clienti più esigenti.

La nostra mobile home aveva una fantastica vista sulla laguna e un veranda dove trascorrere piacevole momenti ascoltando i suoni della natura.

bibione casetta lagunaA disposizione una bici che ci ha permesso di raggiungere ogni zona del campeggio con una breve passeggiata. Molto affascinante la zona vicino al parco piscine con un meraviglioso giardino mediterraneo che nelle giornate limpide permette di allungare lo sguardo fino alle Dolomiti.

La cura dei dettagli, la cortesia, l’attenzione alla sostenibilità e all’accessibilità fanno di questo luogo un posto del quale è difficile non innamorarsi. Al Camping Capalonga sono i benvenuti anche gli amici a 4 zampe al quale è dedicata una zona particolare a pochi passi dalla struttura, un’area di dog agility.
capalonga panorama

Camping Capalonga 

Viale della Laguna,16 – Loc. Bibione Pineda – 30028 Bibione (Ve)
Tel. +39 0431 438351 / +39 0431 216100 Fax +39 0431 438986

 

Per ulteriori informazioni e prenotazioni visita il sito www.capalonga.com

 

vista laguna casetta

Se ti è piaciuto l’articolo e l’hai trovato utile condividilo con i tuoi amici e se vuoi passa a trovarmi più spesso. Se metti un like alla mia pagina Facebook Viaggi e Sorrisi ti porterò con noi a spasso per le Marche e per il Mondo!

tramonto bibione

 

Ringrazio per la collaborazione tutto lo staff del Camping Capalonga, Luisa e lo staff di Arzanà, i miei compagni di viaggio con i quali ho condiviso il presstour e il Sig. Onfredo con i suoi meravigliosi racconti.

Ti potrebbe interessare...

2 Commenti

  1. Lucrezina - Peekaboo Travel Baby dice

    Non so quale di queste 5 attività i miei figli (il maschio in particolare) preferirebbe fare, è una dura lotta comunque sicuramente c’è 1 cosa da fare…andare a BIbione in famiglia!!

    1. viaggiesorrisi dice

      Perchè scegliere…dovete farle tutte! Bibione comunque Lucrezia è stata davvero una bella scoperta!

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il Tuo commento una volta scritto, verrà moderato da Viaggi e Sorrisi. Una volta approvato sarà disponibile on line.