Le Cisterne Romane di Fermo

Le cisterne romane di Fermo sono un complesso archeologico unico nelle Marche, un grande serbatoio d’acqua potabile di 2.200 metri quadri

di Marta Mancini
cisterne romane fermo

Nell’elegante e affascinante città di Fermo si trovano alcune delle più antiche e grandi Cisterne al mondo, le Cisterne di Fermo. Rappresentano il simbolo dell’antica Firmum Picenum e sono il più grande serbatoio romano d’Italia con una portata di 15.000 m3 e sono rimaste magnifiche e funzionanti per più di 2000 anni.

Andiamo a scoprirle insieme?
cisterne romane a fermo

Le Cisterne Romane di Fermo

Le Cisterne Romane di Fermo furono realizzate tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C. per rispondere all’esigenza idrica della popolazione.
Le Cisterne rappresentano una magnifica opera di ingegneria idraulica. Un sistema sotterraneo permetteva prima di immagazzinare e poi ridistribuire l’acqua alle varie zone della città. Un progetto importante e così efficiente tanto che alcune camere sono state utilizzate fino agli anni Ottanta del XX secolo.

Cisterne Romane di Fermo in numeri 

Ecco alcuni numeri delle Cisterne Romane:
  • 30 stanze comunicanti suddivise in 3 file da 10 stanze
  • 2200 mq. Cisterne uniche in Italia per estensione
  • 13 pozzetti per permettere di areare le cisterne
  • le Grandi Cisterne hanno una portata massima di circa 15.000 mc

La Storia delle Cisterne Romane

Le cisterne si sviluppano in 30 stanze attigue, disposte su 3 file da 10 sale ciascuna, ognuna delle quali è ad un livello leggermente più basso in modo tale che l’acqua possa lentamente defluire da una vasca all’altra fino a raggiungere l’uscita per rifornire tutta la città.
Le cisterne erano impermeabilizzate con un impasto fatto di terracotta frantumata e una malta, chiamato cocciopesto. Il livello dell’acqua non veniva mai fatto salire oltre i 60-70 cm per non compromettere la stabilità della struttura. Il passaggio dell’acqua era piuttosto veloce da non far imputridire l’acqua e al tempo stesso piuttosto lento da permettere la sedimentazione delle impurità nel fondo delle varie vasche. Le cisterne venivano areate da 13 pozzetti periodicamente aperti per immettere aria pulita nella cisterna stessa.
Tra il IV e il V secolo d.C. le cisterne non furono più utilizzate e vennero ricoperte di detriti.
Nel 1200 i frati domenicani dell’adiacente convento adibirono le cisterne a cantina aggiungendo scalinate, nuove aperture tra una sala e l’altra e un palmento, ovvero una struttura medievale per la pigiatura dell’uva e la vinificazione.
Le cisterne furono poi abbandonate fino al loro parziale riutilizzo dalla fine dell’800 e per circa un secolo come acquedotto cittadino.
Durante la seconda guerra mondiale furono utilizzate come rifugio durante i bombardamenti.
Oggi rappresentano una preziosa testimonianza del passato e visitarle suscita interesse e meraviglia in ogni visitatore, dal più grande al più piccino!

Orari e biglietti Cisterne Romane di Fermo

Per informazioni su orari di ingresso e biglietti ti consiglio di visitare la pagina www.visitfermo.it
Per prenotare la visita puoi chiamare il n. 0734 217140
Ti ricordo che è possibile acquistare a Fermo un biglietto unico valido per 1 anno e che consente l’accesso a tutto il circuito museale.

Come raggiungere le Cisterne Romane di Fermo

L’ingresso è situato in via degli Aceti. Le Cisterne Romane di Fermo si trovano  nei pressi della Chiesa di San Domenico. La visita guidata parte dall’ufficio turistico dove è possibile acquistare il biglietto.

Consigli utili per la visita alle Cisterne Romane di Fermo

Per il tour come indicato in precedenza ti consiglio di acquistare il biglietto unico che permette la visita anche ad altri musei del circuito museale di Fermo. Per la visita alla cisterne consiglio di indossare scarpe comode. Il percorso ha una durata di circa 45 minuti.
Terminata la visita per tutti i golosoni come me consiglio una sosta golosa alla Gelateria La Veneta che si trova proprio a pochi passi dal Palazzo dei Priori.

Cosa fare nei dintorni delle Cisterne Romane di Fermo

Nei pressi delle Cisterne Romane ti consiglio di visitare anche:

  • Teatro dell’Aquila

teatro dell'aquila fermo

  • Duomo di Fermo

duomo di fermo

  • Palazzo dei Priori con la meravigliosa Sala del Mappamondo

palazzo dei priori fermo

sala del mappamondo fermo

  • Piazza del Popolo

piazza del popolo fermo

Se ti è piaciuto l’articolo e l’hai trovato utile condividilo con i tuoi amici e passa a trovarmi più spesso. Se metti un like alla mia pagina Facebook  e ti iscrivi alla newsletter  ti porterò con noi a spasso per le Marche e per il Mondo! Segui le nostre avventure anche su Instagram!

cisterne romane fermo

Per saperne di più 

Scopri 10 cose da non perdere nelle Marche

Scopri altri interessanti Musei delle Marche 

Scopri le meraviglie del sottosuolo nelle Marche 

Potrebbe interessarti