5 cose da non perdere a Faenza, la città delle ceramiche

In provincia di Ravenna, lungo la Via Emilia, incorniciata tra le prime colline dell’Appennino, si trova la città delle ceramiche, Faenza. Città di origine etrusco-romana, Faenza è nota in tutto il mondo per la produzione di ceramica.
Ma andiamo subito a scoprire insieme cosa fare e vedere in questa città tutta da scoprire.

Ecco le 5 tappe che ti consiglio di fare a Faenza, non necessariamente in questo ordine.

piazza del popolo faenza ra

Cosa fare e vedere a Faenza la città delle ceramiche

1 – Ripercorrere la storia della ceramica nel Museo Internazionale delle Ceramiche

Faenza è la città delle ceramiche e ancora oggi lungo le sue vie sono presenti tante botteghe di artigiani ceramisti. In questa città non poteva di certo mancare un museo dedicato alle ceramiche. Interessante anche la storia del museo stesso che nasce nel 1908 come Esposizione Internazionale di Faenza dedicata al terzo centenario della nascita di Evangelista Torricelli.

piatto museo ceramiche faenza

Durante la seconda guerra mondiale il Museo fu pesantemente bombardato e fu allora che Gaetano Ballardini, ideatore e grande promotore del museo, riuscì a sensibilizzare il mondo dell’arte e delle istituzioni così che già dal 1949 poté riaprire le prime sale espositive e arricchirle di preziose opere d’arte come quelle donate da tantissimi artisti di tutto il mondo tra i quali anche grandi firme come Picasso, Leger, Matisse e Chagall.

ceramiche faenza picasso

Nelle sale espositive del Museo Internazionale delle ceramiche puoi osservare oltre 60 mila opere che abbracciano le culture ceramiche di ogni tempo e luogo. Lo testimoniano opere provenienti dall’Estremo Oriente, dalla Siria, dall’Iran, dall’Egitto, dalla Turchia, dal Sud America, che coinvolgono il visitatore permettendogli di vivere un’esperienza unica.

marco polo ceramiche

Il Museo è un unicum nel panorama nazionale e internazionale, lo testimoniano gli incomparabili capolavori italiani del Rinascimento e le opere di grandi artisti provenienti da ogni angolo del mondo.

Il MIC è un vero polo culturale ceramico, ospita una Biblioteca Storica, aperta al pubblico, contenente oltre 60.000 testi sulla ceramica, un Laboratorio di Restauro, Archivi fotografici e documentari e pubblica dal 1913 la rivista specialistica di ceramica Faenza.

Tante anche le attività didattiche organizzate dal museo che offre al visitatore molteplici possibilità, esperienze di laboratori ed animazioni per grandi, piccini e famiglie.

Dal 1963 il Museo promuove, con cadenza biennale, un concorso internazionale sulla ceramica artistica che gli ha consentito di ampliare le sue raccolte con opere provenienti da tutto il mondo. Il Museo è veramente interessante e tutto da scoprire. Dal 2011 si fregia del riconoscimento di “Monumento testimone di una cultura di pace”, assegnato dall’UNESCO.

museo ceramiche faenza internazionale

Informazioni utili

Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza si trova in Viale Baccarini 19
tel. 0546/697311 – fax. 0546/27141
E-mail: info@micfaenza.org

Orario del Museo Internazionale delle Ceramiche

Orario invernale

1 Novembre – 31 Marzo
Dal Martedì al Venerdì 10:00-16.00
Sabato, Domenica e Festivi 10:00-17:30

Orario estivo

1 Aprile – 31 Ottobre
Dal Martedì alla Domenica e Festivi 10:00-19:00

Il museo è chiuso: tutti i Lunedì non festivi, 1 Gennaio, 1 Maggio, 15 Agosto, 25 Dicembre.

Attività Didattiche

Per tutte le attività didattiche è possibile concordare orari personalizzati a seconda delle esigenze scolastiche delle singole classi. Per informazioni chiamare 0546697306

Prezzi del biglietto

Ingresso: € 10,00 Ridotto : € 7,00 Gratuito: ragazzi fino a 14 anni, studenti e docenti ISA e ISIA Faenza, ceramisti faentini, scolaresche faentine, tour operators, giornalisti, portatori di handicap, soci ICOM,  altre categorie segnalate dalle norme vigenti, o personalità accolte in visita dalla Presidenza o dalla Direzione.
Visita il sito www.micfaenza.org
Dati aggiornati a Maggio 2019

2 – Passeggiare nel Parco Bucci, il polmone verde della città 

Questo parco è il più grande dei parchi faentini ma ce ne sono diversi altri nella città con spazi giochi per i bambini.

Il Parco Bucci è il polmone verde della città e venne realizzato nei primi anni ’70 dal Comune di Faenza con la collaborazione di Roberto Bucci, industriale faentino cui il parco è dedicato.

anatre parco bucci

 

Il parco è davvero bello e passeggiare al suo interno è davvero piacevole. Un luogo molto rilassante dove ti puoi immergere nella natura a due passi dalla città. Sentieri, ponti e laghetti dove potrai ammirare tante specie diverse di animali (pavoni, papere, tacchini, cigni, conigli, galli, galline e tanti simpatici uccellini)  che rendono la visita ancora più interessante.

Il parco, ideale per un picnic, è il posto perfetto per passare una piacevole giornata con i bimbi che hanno anche un’area giochi a disposizione.

faenza parco bucci ra
Il parco ha un’estensione di circa 8 ettari e all’interno ci sono servizi igenici e, subito fuori nel parcheggio, un bar e una giostra. Il parco è pulito e perfettamente tenuto ed è un sogno passeggiare nei sentieri accompagnati dai suoni melodiosi della natura tra la lussureggiante vegetazione arborea, oltre 1000 esemplari, con predominanza di specie esotiche.

pavoni anatre parco bucci faenza

 

Informazioni utili – orari del Parco Bucci

Ingresso libero

Apertura, ogni giorno dell’anno.

Da Aprile a Ottobre aperto dalle ore 7.30 alle ore 21.00

Da Novembre a Marzo dalle 7.30 alle 17.30

Il Parco Bucci si trova in Piazzale Aldo Pancrazi.

 

tacchino parco bucci faenza

3 – Prendere un caffè in Piazza del Popolo 

Il centro storico di Faenza è libero dal traffico ed è bello passeggiare serenamente tra palazzi e chiese, negozi e botteghe artigiane e fermarsi a prendere un buon caffè proprio in una delle due piazze principali.

Assolutamente da vedere la Cattedrale del XV secolo progettata da Giuliano da Maiano e dedicata a S.Pietro. Il Duomo di Faenza fu costruito fra il 1474 ed il 1520 su una preesistente cattedrale. La facciata, in caldo laterizio grezzo, è incompiuta e non è noto quale dovesse essere il rivestimento.
All’interno vale la pena ammirare ogni cappella laterale che contiene opere d’arte e le arche di S.Savino, S.Emiliano e S.Terenzio, rispettivamente di Benedetto da Maiano e di anonimi maestri rinascimentali toscani, il toccante crocefisso ligneo scolpito a fine ‘400 e infine la Pala Bonaccorsi, tavola cinquecentesca dipinta da Innocenzo Francucci da Imola.

Proprio nei pressi del Duomo c’è una bellissima fontana barocca del Paganelli a pianta esagonale. È ornata da piacevoli elementi tra i quali i leoni in bronzo che la caratterizzano. Anticamente era la fonte di approvvigionamento delle acque per la popolazione.

fontana faenza piazza popolo

 

Nella vicina Piazza del Popolo, delimitata da due ali porticate, si affacciano il Palazzo del Podestà e il Palazzo Municipale già dimora dei Manfredi, un tempo padrona di Faenza.

piazza del popolo faenza

4 – Visitare Palazzo Milzetti e ammirare le sue sale

A Faenza si trova anche un prezioso gioiello, il Palazzo Milzetti, considerato una delle espressioni architettoniche più preziose e riuscite del neoclassico italiano.  Il conte Nicola Milzetti diede l’avvio alla costruzione nel 1792 valendosi dell’architetto faentino Giuseppe Pistocchi. Suo figlio Francesco proseguì i lavori affidandoli all’architetto Giovanni Antonio Antolini di Castel Bolognese e al pittore Felice Giani che realizzò le splendide decorazioni lavorando nel palazzo con l’aiuto della sua bottega fino al 1805.

Osservando il palazzo da fuori non si può immaginare quali tesori nasconda al suo interno. Museo Nazionale dell’età Neoclassica in Romagna, Palazzo Milzetti stupisce ogni visitatore per le sue sale affrescate, le stanze private finemente decorate, il maestoso salone ottagonale, gli stucchi della sala da ballo.

palazzo milzetti faenza

Orari di visita
Da Lunedì a Sabato 8.30/18.30.
Domenica 12.30/18.30
Con ingresso regolato da fasce orarie
Gruppi al massimo di 30 persone. Si consiglia prenotazione.

Prezzi:
Intero € 4,00
Ridotto € 2,00
Gratuito fino a 18 anni e gratuito per tutti la prima Domenica di ogni mese

Il Palazzo Milzetti si trova in Via Giulio Cesare Tonducci, 15

Dati aggiornati a Maggio 2019

Per saperne di più visita il sito www.palazzomilzetti.jimdo.com

 

5 – Scoprire la storia del Palio del Niballo

Uno dei periodi migliori per visitare Faenza è il mese di Giugno quando la città con tanti eventi e manifestazioni si prepara al Palio del Niballo che ha luogo ogni anno la quarta domenica di Giugno. La rievocazione storica inaugurata nel 1959 vede sfidarsi i 5 rioni della città ed è accompagnata da competizioni di sbandieratori, spettacoli e musicanti.

Il Palio non è una semplice gara ma un momento di unione, di comunità e di costante rinnovo di una tradizione che affonda le sue radici nella Faenza medievale e rinascimentale e che ancora oggi non smette di emozionare tutti con i suoi colori, le sue musiche, le sue sfide appassionanti.

“Capi rione, uomini del corteo, siate degni dei vostri colori e della bellezza delle vostre dame. Si vada al campo a disputar la giostra!”

Con queste parole il Maestro di campo dà l’avvio al variegato corteo storico che porterà i cavalieri dei cinque Rioni a sfidarsi allo stadio Bruno Neri.

Faenza venne originariamente suddivisa in Rioni dai Romani. I territori rionali sono separati dai quattro corsi cittadini, gli antichi cardo e decumano di epoca romana, e ripropongono la suddivisione storica della città faentina in quattro Rioni.

  • Rione Giallo (Rione di Porta Ponte)
  • Rione Rosso (Rione di Porta Imolese)
  • Rione Nero (Rione di Porta Ravegnana)
  • Rione Verde (Rione di Porta Montanara)

L’unico Rione fuori le mura dell’urbe romagnolo è il Rione Bianco, il cui territorio comprende il Borgo Durbecco, cioè l’area della città sulla riva destra del fiume Lamone. La sede si trova a fianco della chiesa della Commenda, tra gli edifici di maggior valore artistico e storico di Faenza.

chiesa della commenda faenza borgo durbecco

“Il Palio di Faenza è una sfida che impegna i due contendenti, al galoppo sui loro cavalli, a colpire prima dell’avversario il bersaglio posto sul braccio teso del Niballo, la grande figura con fattezze di guerriero che rappresenta il vecchio nemico saraceno, collocato al centro del campo di gara.

Una gara coinvolgente, impegnativa e incerta sino all’ultimo: al cavaliere non basta una sola buona tornata per portarsi a casa il palio, ossia il drappo decorato ogni anno per l’occasione da un noto artista. Caratteristica della Giostra faentina sono le ben otto tornate di gara per ogni partecipante: ogni contendente sfida infatti i cavalieri avversari e a sua volta viene sfidato da tutti. Al temine di ogni sfida, il vincitore conquista uno scudo del Rione battuto e al termine delle venti tornate il cavaliere che ha conquistato il maggior numero di stemmi viene decretato vincitore del palio.”

Dal sito del Palio del Niballo

 

Oggi i 5 Rioni di Faenza, che gestiscono in totale autonomia la propria scuderia, sono associazioni a carattere culturale-ricreativo, punti di riferimento e di incontro per gli abitanti dei vari rioni. Sono tanti i volontari che in ogni periodo dell’anno si impegnano per rendere il Palio del Niballo sempre più affascinante.

Visita il sito www.paliodifaenza.it

 

Eventi da non perdere a Faenza

Oltre al Palio del Niballo, a Faenza ci sono tanti altri eventi assolutamente da non perdere.

Ho avuto il piacere di partecipare alla prima tappa del Maggio Faentino 2019, BorgoIndie. Il Chiostro della Commenda del Borgo Durbecco di Faenza ha ospitato espositori di prodotti DOP e Igp dell’Emilia-Romagna, una nutrita schiera di vignaioli indipendenti e tanti appuntamenti tra degustazioni, convegni e incontri.

 

Semplicemente speciale la cena a cura di Postrivoro, una food experience assolutamente unica nel suo genere. Difficile raccontare l’unicità della cena, ogni cena Postrivoro è irripetibile e finché non partecipi non riesci a capirne il perché.  A rendere speciale questo appuntamento sono gli chef che fanno parte di importanti ristoranti europei o in procinto di aprire il loro proprio ristorante o che lo hanno appena aperto, insomma un’esperienza difficile da narrare che ti consiglio di vivere in prima persona.

Il Maggio Faentino continuerà per tutti i weekend di Maggio:

5 eventi per tutti i sensi 

 

Numerose anche le manifestazioni legate alle ceramiche che vengono organizzate nel corso dell’anno.

A fine Agosto invece un insolito e fantasioso gemellaggio enogastronomico avvicina la Romagna all’Abruzzo e prende il nome di Sagra della Romagna e dell’Abruzzo.

maggio faentino faenza

Borghi da vedere nei dintorni di Faenza

Oltre a Faenza meritano una visita anche i borghi vicini:

  • Oriolo dei Fichi, una piccola località posta sulle prime colline a 8 chilometri da Faenza,
  • Brisighella uno dei borghi più belli d’Italia, borgo immerso nel verde ricco di storia e davvero affascinante

brisighella

Turismo a Faenza

Per avere ancora più informazioni su Faenza e dintorni ti consiglio di consultare anche il sito della Pro Loco ricco di tante indicazioni che renderanno la tua visita ancora più interessante.

Inoltre a Faenza troverai proprio un ufficio Iat (segui le indicazioni che trovi in Piazza del Popolo per raggiungerlo) che nei seguenti orari è a disposizione.

piatto museo ceramiche faenza

Iat di Faenza

Voltone della Molinella, 2
Faenza (Ra) – Italy
Tel/Fax. +39 0546 25231
info@prolocofaenza.it

Orari di apertura al pubblico:

Da Maggio a Settembre:
Dal Lunedì al Sabato dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30
Festivi dalle ore 9.30 alle ore 12.30
Da Ottobre ad Aprile:
Dal Martedì al Sabato dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 17.30
Chiuso Domenica, Lunedì e Giovedì pomeriggio.

 

Dati aggiornati a Maggio 2019

faenza piazza provincia di ravanna

Dove dormire a Faenza

Se stai organizzando la tua vacanza ecco una lista di alcune delle migliori strutture della zona:

 

D0ve si trova  Faenza?

Faenza sorge sulla Via Emilia, in provincia di Ravenna nella Romagna.

Ecco le distanze dalle principali città limitrofe:

Bologna (Km 50)

Rimini (Km 65)

Ravenna (Km 32)

Firenze (Km 100)

Come raggiungere Faenza

In auto:
da Bologna o Rimini: dalla statale n. 9 “Emilia” o dall’autostrada A14 uscita casello di Faenza);
da Firenze o Ravenna: statale 302

In treno:
da Bologna o Rimini: linea Milano – Lecce;
da Firenze: linea Firenze – Faenza:
da Ravenna: linea Ravenna – Faenza

In aereo:
Aeroporto “G. Marconi” – Bologna
Aeroporto di Miramare di Rimini
Aeroporto “L.Ridolfi” – Forli

 


Se ti è piaciuto l’articolo e l’hai trovato utile condividilo con i tuoi amici e passa a trovarmi più spesso. Se metti un like alla mia pagina Facebook  e ti iscrivi alla newsletter  ti porterò con noi a spasso per le Marche e per il Mondo! Segui le nostre avventure anche su Instagram!

Per saperne di più

Scopri altri interessanti itinerari in Emilia Romagna

 

piazza del popolo faenza

Si ringrazia per la collaborazione Stefania di BorgoIndie, la Sig.ra Carla di Romagna Faentina, il Museo delle Ceramiche e tutto lo staff del Maggio Faentino.

 

Articolo pubblicato il 06/05/2019

Ti potrebbe interessare...

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il Tuo commento una volta scritto, verrà moderato da Viaggi e Sorrisi. Una volta approvato sarà disponibile on line.