Il Santuario di San Romedio in Val di Non

Il Santuario di San Romedio è sicuramente uno dei più caratteristici e affascinanti del mondo. L’Eremo sorge sulla vetta di uno sperone di roccia alto più di 70 metri nel cuore della meravigliosa Val di Non.

Per arrivare al Santuario di San Romedio occorre mettersi in cammino, un peregrinare che ci porta a scoprire un luogo immerso nella natura dove la pace entra nel nostro cuore. Alla fine del cammino San Romedio sembra accogliere ogni pellegrino con un messaggio sublime di amore e silenzio, ci invita a regalarci del tempo per meditare, per respirare la natura, per ascoltare e ascoltarci.

San Romedio è il patrono protettore dei pellegrini e degli escursionisti e si celebra ogni 15 Gennaio, la festa è preceduta da una processione suggestiva in notturna con fiaccole per arrivare fino al Santuario.

santuario di san romedio val di nonsantuario di san romedio val di non

Come raggiungere il Santuario di San Romedio

 

Ci sono 3 modi per raggiungere il Santuario di San Romedio:

  • A piedi
  • In auto
  • Con navetta nel periodo estivo

Il sentiero delle Forre di San Romedio

Il mio consiglio è senza dubbio quello di percorrere la stretta forra, profonda cento metri e lunga oltre due chilometri, che conduce a uno spuntone di roccia dove sorge l’Eremo di San Romedio, grande bellezza in un contesto naturale di suggestione potente. Si parte dal paese di Sanzeno, proprio nel cuore della Val di Non, per giungere al santuario.

itinerario nella roccia santuario di san romedio

Il sentiero nella roccia è stato realizzato sul tracciato di un antico canale irriguo ottocentesco. La passeggiata davvero gradevole di circa 50 minuti  regala scorci davvero suggestivi e affascinanti.

Si consiglia la passeggiata a tutti, grandi piccoli e anziani perché il dislivello è minimo così come la difficoltà. Nel periodo invernale la passeggiata rimane chiusa per motivi di sicurezza.

sentiero nella roccia santuario san romedio

In Auto o navetta

E’ possibile raggiungere il Santuario anche in auto e nel periodo estivo con un bus navetta (per gli orari si consiglia di rivolgersi all’Ufficio Turistico, 0463.830133).

 

La Storia di San Romedio

San Romedio come detto si celebra ogni 15 Gennaio. Giovane e inquieto, Romedius viene da una nobile famiglia bavarese proprietaria del castello di Thaur, non distante da Innsbruck.

In cerca di pace e silenzio un giorno si inoltra in questa gola selvaggia. E’ proprio questo il luogo che il giovane sceglie, isolato dal resto del mondo e circondato da pareti rocciose.

Romedio vende tutti i suoi beni e dona il ricavato al vescovo di Trento, quindi si ritira tra i monti in meditazione assieme ai suoi due compagni, Abramo e Davide, in una grotta sottostante la cima del picco.

Il primo corpo del santuario, l’antica chiesa col sacello, dove sono conservate le reliquie del santo, la più in alto sulla rupe, è del XII secolo.

A scendere, gli ampliamenti successivi. L’impronta attuale del santuario è dovuta all’intervento edilizio del 1700.

santuario di san romedio

I miracoli di San Romedio

Sono sette le edicole che indicano la fatica di chi sale le scale e i tanti ex-voto appesi alle pareti dai devoti che ringraziano il Santo per aver ricevuto una grazia. I devoti ringraziano per una guarigione, per la nascita tanto attesa di un bambino e per il ritrovato amore con il  coniuge.

La scalinata termina alla Chiesa Maggiore di San Romedio con l’attigua Chiesa Antica. Il percorso si conclude nella cella originaria dove si trovano le reliquie del Santo.

san romedio immagine

La Leggenda dell’Orso e San Romedio

Una visita al Santuario di San Romedio è molto apprezzata anche dai bambini perché proprio nell’area faunistica dell’Eremo è presente un esemplare di orso che, se sei fortunato come noi, riesci anche ad avvistare.

Il legame tra l’orso e San Romedio è molto antico e collegato ad una leggenda che si fonde con la storia rendendo questo luogo ancora più suggestivo e mistico.

Ti racconto la leggenda dell’Orso e San Romedio proprio come è stata raccontata a noi da Fra Gianfranco che abbiamo avuto la fortuna di incontrare al Santuario.

orso bruno santuario san romedio

La leggenda racconta che San Romedio desiderava prendere la strada per Trento per incontrare Vigilio, il Vescovo della città, per ricevere la sua benedizione. Poco prima di partire trovò il suo cavallo a terra, abbattuto da un orso che lo stava sbranando.
Senza alcun timore San Romedio si avvicinò all’orso e gli disse:

“Adesso sarai tu a portarmi a Trento”.

Quindi gli ordinò di accucciarsi per farsi mettere le briglie. Miracolosamente l’orso ubbidì, permettendo all’eremita di raggiungere Trento sulla sua groppa.

Questa è la leggenda che si fonde con la storia e dona pace e magia a questo luogo.

 

Da allora l’area faunistica del santuario di San Romedio ha sempre dato asilo ad esemplari di orsoOggi al santuario di San Romedio è ospitato “Bruno”.

 

 

Il cammino di San Romedio

Lo sapevi che esiste anche un cammino dedicato a San Romedio?

E’ lungo 180 chilometri, con altitudini complessive di 9.600 metri e composto da 12 tappe.

Un cammino davvero suggestivo che è in grado di trasmettere ai pellegrini momenti di pace, raccoglimento e silenzio assoluto.

Il percorso guida il pellegrino ad attraversare dolci valli, città storiche, imponenti valichi e dorsi di montagna e lo fa immergere in un territorio meraviglioso.

Dal Tirolo del Nord passando per l’Alto Adige e arrivando in Trentino, in cammino si superano i confini non solo territoriali ma anche i propri confini spirituali.

Informazioni sul Santuario di San Romedio

Orari di apertura del Santuario

Da Ottobre ad Aprile: ore  9.00 -17.30
Da Maggio a Giugno, e mese di Settembre: ore 9.00 —18.00
Da Luglio ad Agosto: ore 8.30 —19.00

 

Ingresso libero e gratuito

Nel periodo invernale la strada di accesso al santuario viene mantenuta sgombra dalla neve in modo tale che si possa raggiungere in auto il parcheggio alla base del santuario.

 

Sante Messe al Santuario di San Romedio

Durante tutto l’anno da Lunedì a Venerdì alle ore 16.00 (Luglio e Agosto alle ore 17.00).

Domenica ore 9.00 – 11.00.

Il Sabato e le vigilie delle Festività non c’è la S. Messa.

 

Visite guidate al Santuario di San Romedio


Durante tutto l’anno è possibile prenotare visite guidate al santuario.

Per info

Azienda per il Turismo Val di Non tel. 0463.830133

e-mail: info@visitvaldinon.it

 

Per informazioni:

Il Santuario non è accessibile a passeggini e a persone diversamente abili vista la presenza di diversi scalini.

Santuario di San Romedio

Indirizzo: Coredo, Predaia TN

tel. 0463.536198 / 0463 636127
Turismo Val di Non tel.  0463.830133

 info@visitvaldinon.it

Dati aggiornati a Maggio 2019

 

Se ti è piaciuto l’articolo e l’hai trovato utile condividilo con i tuoi amici e passa a trovarmi più spesso. Se metti un like alla mia pagina Facebook  e ti iscrivi alla newsletter  ti porterò con noi a spasso per le Marche e per il Mondo! Segui le nostre avventure anche su Instagram!

Per saperne di più

Leggi anche 5 cose da non perdere in Val di Non

Scopri altri interessanti itinerari in Trentino Alto Adige

 

 

Ti potrebbe interessare...

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il Tuo commento una volta scritto, verrà moderato da Viaggi e Sorrisi. Una volta approvato sarà disponibile on line.