10 cose da non perdere a Cavalese e dintorni

Cavalese si trova nel cuore delle Dolomiti, patrimonio naturale mondiale dell’UNESCO, località che emerge tra  tanti piccoli paesi di montagna. E’ uno dei centri turistici più importanti della Val di Fiemme, situato ad una quota di 1000 metri, famoso in tutto il mondo per la manifestazione internazionale di granfondo, la mitica Marcialonga.

Infinite le emozioni che ci ha regalato questo luogo, tra paesaggi incantati e montagne innevate.

Prima di partire ho studiato attentamente le tappe della nostra vacanza proprio per renderla ancora più indimenticabile e richiesto informazioni e consigli a chi quella zona la conosceva bene.

Abbiamo fissato a Cavalese, o per la precisione a Daiano, un piccolo villaggio tipico di montagna, la base per il nostro soggiorno. La scelta si è rilevata davvero azzeccata visto che ci ha permesso di raggiungere con brevi tragitti davvero tante bellezze.

panorami incantati

Sei curioso di sapere cosa fare e cosa vedere a Cavalese e dintorni?

Te lo racconto subito. Ecco secondo me (anzi secondo noi, visto che è stato il nostro primo viaggio in quattro) quanto di bello e interessante ha da offrire questa zona, ecco la mia Top 10 delle cose da fare a Cavalese!

 

#1 – Prendere la funivia dell’Alpe Cermis e lasciarsi portare in paradiso

Per il primo viaggio in funivia dei nostri bambini abbiamo scelto di portarli in un paradiso, tra neve e montagne, tra alberi e una natura incantevole, all’Alpe Cermis. L’emozione oltre che dai loro occhi traspare dalle parole…

Mamma, ma siamo saliti su una stella?

Difficile raccontarle a parole queste emozioni, difficile descrivere la gioia di una giornata tra neve, salite e discese interminabili che hanno reso speciali questi momenti.

20160410_142243(0)

Per me è un po’ come ritornare bambina, che meraviglia rotolarsi sulla neve e farsi baciare dal sole!

Immagino che anche d’estate lo splendore non sia da meno, tanto che a Doss dei Laresi è allestito il parco Cermislandia ad ingresso gratuito, un piccolo regno dei bambini!

Per ulteriori informazioni questo è il sito dell’Alpe Cermis.

#2 – Godere i paesaggi incantati della Val di Fiemme

Impossibile rimanere indifferenti a tanta bellezza, la Val di Fiemme è una valle piccola e selvatica. Tante le stradine dove passeggiare per esplorare a piedi o con un paio di sci la natura incontaminata.

I paesaggi offrono scorci meravigliosi, i monti regalano dolcezza e protezione, il sole che spesso si affaccia rende la vista ancora più incantevole.

panorami incantati

#3 – Ritornare bambino al Parco della Pieve

In ogni paesino della zona esiste un parco giochi, quello che si trova a Cavalese è semplicemente fantastico, tanto che ci abbiamo trascorso un pomeriggio intero e per il nostro piccolo non era mai ora di venir via. Giochi, prati, alberi maestosi, una grande chiesa e una stupenda vista panoramica sono il biglietto da visita del Parco della Pieve, luogo imperdibile per grandi e piccini!

20160415_150904

#4 – Passeggiare per le vie del centro 

I monti tutto intorno avvolgono il piccolo ma delizioso centro storico di Cavalese. Piacevole una passeggiata lungo le vie dove incontrerai tanti palazzi storici.

Su tutti ti consiglio una visita e una sosta obbligata al Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme. L’edificio fu eretto indicativamente verso la fine del XIII secolo e nel 1850 fu acquistato dalla Magnifica Comunità Generale di Fiemme.

Ora è la sede del Museo-Pinacoteca ed è attualmente il polo culturale di riferimento per gli abitanti della valle. Molto interessanti gli affreschi rinascimentali presenti all’interno e la straordinaria collezione di quadri dipinti dai grandi artisti della Scuola Pittorica di Fiemme.

Se vuoi visitare il palazzo qui trovi tutte le informazioni utili.

20160411_183829

 

#5 – Gustare il delizioso strudel del pasticciere più bravo d’Italia

E se passeggiando per le vie del paese tra il Palazzo della Comunità di Fiemme e quello del Municipio inizi a sentire nell’aria un profumo delizioso ti stai avvicinando alla pasticceria Cose buone da Paolo.

Una tappa obbligata per tutti i golosoni e per chi vuole portarsi a casa un souvenir gustoso della Val di Fiemme non può che buttarsi sullo strudel, quello di Simone, il pasticciere più bravo d’Italia (premio consegnato nel 2011 dalla Guida Il Golosario) che saprà davvero accontentare tutti.

Lo sapete che questa piccola bottega, grazie alla maestria di Simone e alla collaborazione di oltre 200 bambini detiene il record del salame di cioccolato più lungo del mondo?

Solo un motivo in più per entrarci e scoprirne i segreti! Noi abbiamo assaggiato anche la torta di pane di segale e Birra di Fiemme, quella di zenzero fresco e limone candito, per finire con i Frati M’briaghi con la grappa, tutto davvero molto ma molto buono. E se hai nostalgia della Val di Fiemme e dei suoi sapori non ti dimenticare che puoi farli arrivare direttamente a casa tua, ecco il link per gli acquisti golosi!

E se per caso passando trovi la serranda chiusa sappi che Simone, il pasticciere, è in giro per il mondo per scoprire nuovi orizzonti e a studiare nuove ricette che una volta tornato a casa servirà in tavola..chissà, forse deriva proprio da questa ricerca della perfezione la sua grandezza!

20160416_115822

Se poi sei un goloso non perderti la Guida del gusto della Val di Fiemme!

#6 – Assaggiare e scoprire i segreti della Birra della Val di Fiemme

In un luogo molto panoramico che spazia per tutta la valle, proprio sopra al paesino di Daiano, il Birrificio di Fiemme dal 1999 produce una birra artigianale dal gusto inconfondibile. Il Mastro Birraio Stefano aiutato da suo figlio Michele ha iniziato a creare la sua birra dalla A alla Z, coltivando anche le materie prime per garantire un prodotto ancora più genuino. Non usano conservanti e neanche stabilizzanti, la birra è volutamente non pastorizzata e l’acqua pura di montagna è l’ingrediente più prezioso. Interessanti e coinvolgenti i racconti di Stefano Gilmozzi, il patron di questa piccola azienda a carattere famigliare che custodisce con saggezza e amore i segreti di questa terra e delle più antiche birrerie.

Ogni lunedì su appuntamento dalle 16 alle 18 è possibile visitare il laboratorio artigianale.

Vendita diretta tutti i giorni dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00 e la domenica dalle 9.00 alle 12.00.

Contatti 0462.479147 – 338.8794727

Per ulteriori informazioni  Birrificio di Fiemme

birra di fiemme

#7 – Visitare il caseificio e degustare i suoi formaggi

Il Caseificio Sociale “Val di Fiemme” nasce nel 1966 quando oltre 500 agricoltori decisero di mettere insieme le loro forze per sostenersi a vicenda e valorizzare i loro prodotti. Oggi i soci sono poco meno di 100, tutti intenti ad offrire la massima qualità tanto che si impegnano a rispettare dei rigidi regolamenti che sono fondamentali anche in fase di produzione e stagionatura quando vengono utilizzati solamente metodi naturali, che escludono l’utilizzo di qualunque tipo di conservante o colorante. Il Caseificio mantiene la tradizione dell’alpeggio estivo grazie alle 9 malghe. Durante l’alpeggio il bestiame si nutre di erba fresca e di altre sostanze che donano ai formaggi un sapore unico.

Proprio in occasione del rientro delle capre dall’alpeggio (2° domenica di settembre) si tiene a Cavalese la manifestazione chiamata “Desmontegada delle Caore, suggestiva festa ove il gregge di oltre 350 capre sfila in mezzo alle case accompagnato dai pastori in una splendida festa ricca di colore e tradizione.

Siamo entrati nei locali dove si producono i formaggi più buoni della Val di Fiemme e siamo rimasti davvero incantati dai racconti di Denis che ci ha accompagnato in questo percorso ricco di tante tappe davvero uniche e molto interessanti per grandi e piccini.

La tappa successiva è stata quella della degustazioni di questi formaggi e come dei topolini uno dopo l’altro abbiamo fatto “piazza pulita” degli assaggi, aiutati in maniera consistente dal topolino più piccolo che ha gradito molto visita e degustazione.

Che ne dici di portare anche i tuoi bambini ad ascoltare la storia del formaggio della Val di Fiemme? Questo link ti può aiutare: Caseificio Val di Fiemme.

 

Per gli acquisti

Orari di apertura dello spaccio aziendale

Dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 19.00

Giorni di chiusura giovedì e domenica

In stagione estiva aperto anche il giovedì tutto il giorno e la domenica mattina

visita guidata al caseificio

 #8 – Trascorrere una giornata al Maso dello Speck

Poco sopra il paese di Daiano, a 1.300 m di altitudine, il Maso dello Speck  è un altro degli indirizzi da non perdere della zona. In Val di Fiemme da oltre mezzo secolo, la famiglia Braito è sinonimo di Speck. Al maso le antiche ricette di Tito sono utilizzate nella produzione artigianale di numerose specialità tipiche. La bellezza dell’ambiente che lo circonda rende ancora più incantevole la visita in questo luogo, dove oltre che acquistare prodotti genuini e di alta qualità è possibile sedersi per assaggiare a pranzo merenda o a cena la cucina tipica trentina.

20160411_124527

E dopo aver riempito lo stomaco una sosta è d’obbligo per godere di momenti di relax  a contatto con la natura e gli animali e immergersi in questa oasi di pace.

20160411_141556

Il ristorante è aperto tutto l’anno e accanto al locale c’è uno spaccio dove acquistare i prodotti del Maso. E’ consigliabile prenotare visto l’affollamento soprattutto in alta stagione, questo è il numero 0462-342244.

E questo il video che ho fatto proprio davanti al Maso.

 

#9 – Entrare a pregare in una delle tante chiese 

Cavalese, ma anche i piccoli paeselli che la circondano, hanno delle chiese di una bellezza unica. E allora quando vedi spuntare dei campanili passando per le vie di questi villaggi fermati ed entra in queste opere d’arte ed oltre ad ammirare dipinti ed affreschi lascia qualche minuto per una preghiera e dei momenti in raccoglimento per apprezzare il dono più profondo di quei luoghi.

20160411_194227

#10 – Godere dello spettacolo della cascata

Poco più avanti della stazione di Fondovalle dell’Alpe Cermis, a metà strada fra Castello di FiemmeCavalese, troverai l’indicazione per la cascata. Consiglio di  farci una sosta per ammirare questa cascata in mezzo al bosco che scende da sinistra con un salto di una quindicina di metri e si allarga sul letto del torrente. Da qui partono delle passeggiate che ti faranno immergere nella natura.

20160416_104609

Dove dormire

La nostra base in Val di Fiemme è stata il Garnì Edy a Daiano, un tipico villaggio montano a pochi km da Cavalese. La posizione strategica ci ha permesso di raggiungere con tragitti brevi le tappe della nostra vacanza, non potevamo chiedere di meglio visto che viaggiamo con 2 piccoli che poco sopportano lunghe permanenze in auto. Ogni mattina ci si affacciava dal balcone e la vista mozzafiato oltre ad un bel sole ci dava il miglior buongiorno del mondo!

20160411_182446Riccardo e Angela ci hanno fatto sentire come a casa nostra in questo angolo di paradiso, dispensando giorno dopo giorno tante informazioni preziose per organizzare al meglio le nostre escursioni. I dolcetti di Angela ogni mattina ci davano la carica per iniziare alla grande la giornata. A pochi passi un parco giochi, proprio vicino alla stupenda Chiesa di Daiano, dove i nostri bambini hanno trascorso ore e ore di svago e noi qualche attimo di relax. Nelle vicinanze anche due ristorantini dove degustare cene tipiche o ordinare una pizza da asporto e un negozio di alimentari per i pranzi al sacco che si possono consumare anche nelle aree picnic del Garnì Edy.

edy garni

Al rientro dopo lunghe giornate di avventura alla scoperta della Val di Fiemme ad attenderci la nostra camera, ampia e spaziosa e non solo…

Lo sai chi abbiamo incontrato una sera al rientro?

Un piccolo e dolcissimo capriolo che per noi, ma soprattutto per il piccolo Samuele, si è rivelato una visione davvero sorprendente! E una volta in camera, non prima di aver rivissuto nei racconti la giornata trascorsa, ci si metteva a dormire.

Il più fortunato sai dove dormiva?

Nel letto del Le (Re), così chiamava il suo letto a castello Samuele, mentre “posto bello” era il soprannome del nostro grazioso Garnì in Val di Fiemme.

Il ritorno a casa per lui è stato un trauma tanto che dalla tristezza ha pianto disperato perché non voleva proprio lasciare questi luoghi.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni collegati al sito Garnì Edy.

letto a castello

Cosa devo aggiungere ancora? 

Cavalese, la sua gente, la sua valle e i suoi meravigliosi paesaggi ci sono rimasti negli occhi, ma soprattutto nel cuore, siamo appena tornati, ma non vediamo l’ora di ripartire! Sicuramente avrò dimenticato qualcosa che valga la pena di visitare, se vuoi inseriscilo tu nei commenti del Blog!

Se ti ha appassionato il mio viaggio formato famiglia e vuoi seguirci nelle nostre prossime tappe, iscriviti alla newsletter o al limite seguimi su FACEBOOK

 

Info utili

 

Maggiori informazioni sul sito dedicato al turismo della Val di Fiemme

Maggiori informazioni sul sito dedicato al turismo del Trentino

Leggi anche la Guida del gusto della Val di Fiemme

Informazioni utili prima della partenza Idee e Consigli Val di Fiemme

 

Ti potrebbe interessare...

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il Tuo commento una volta scritto, verrà moderato da Viaggi e Sorrisi. Una volta approvato sarà disponibile on line.