La leggenda della Befana

L’arrivo della Befana, quella vecchietta curva, con il naso adunco e il mento aguzzo, vestita di stracci e piena di fuliggine perché scende dal camino, è vissuta da tutti i bambini con gioia e felicità.

La Befana indossa una gonna scura ed ampia, un grembiule con le tasche, uno scialle, un fazzoletto o un cappellaccio in testa, un paio di ciabatte consunte e numerose toppe colorate, aspetto curioso e assai affascinante per i più piccini.

Ma dove abita la Befana?

In Finlandia, precisamente a Rovaniemi, si trova la residenza ufficiale di Babbo Natale.

Ma qual è il paese della Befana?

La Befana vive in un delizioso paese marchigiano tra le verdeggianti colline del Montefeltro, Urbania.

E’ Urbania, la Signora del Metauro, il paese della Befana e si trova in provincia di Pesaro-Urbino. Urbania è un luogo ricco di storia e d’arte, conosciuta prima con il nome di Casteldurante e poi divenuta Urbania in onore di Papa Urbano VIII.

Urbania cosa vedere
Il Barco Ducale di Urbania

Urbania offre a tutti i visitatori diverse attrazioni da non perdere e una festa dedicata proprio alla Befana. Se visiti Urbania nel periodo natalizio e fino al 6 Gennaio potrai immergerti nella Festa Nazionale della Befana, vivere il paese dei balocchi con oltre 4000 calze appese per le vie del centro storico, attività ludiche e creative, stand enogastronomici, la sfilata della calza da record più lunga del mondo con i suoi 50 metri, concerti e spettacoli itineranti.

 

Nel 2021, vista l’emergenza covid, la festa sarà in versione digitale. Per conoscere il programma visita il sito www.festadellabefana.com

 

Se vuoi conoscere più da vicino il paese della Befana ti invito a leggere 5 cose da non perdere a Urbania

palazzo ducale urbania
Palazzo Ducale di Urbania

In conclusione ti vorrei raccontare la leggenda della Befana…

La leggenda della Befana

La leggenda racconta di una sera di tanti, tanti anni fa quando…

…“i Re Magi” messisi in cammino per rendere omaggio al bambino Gesù, non riuscendo a trovare la strada, chiesero informazioni ad una vecchia signora.
Malgrado le loro insistenze, affinché li seguisse, la donna non uscì di casa per accompagnarli perché aveva troppe faccende da sbrigare. Dopo che se ne furono andati capì di aver sbagliato a rifiutare il loro invito e decise di raggiungerli. Preparato un cesto di dolci, uscì di casa e si mise a cercarli, senza riuscirci.
Così bussò ad ogni porta lasciando un dono ad ogni bambino nella speranza che uno di loro fosse Gesù.
Da allora ha continuato per millenni, a cavallo della sua scopa, a  portare dolci e regali a tutti i bimbi del mondo…

Se ti è piaciuto l’articolo e l’hai trovato utile condividilo con i tuoi amici e passa a trovarmi più spesso. Se metti un like alla mia pagina Facebook  ti porterò con noi a spasso per le Marche e per il Mondo!

 

Per saperne di più 

Scopri altre leggende delle Marche

Leggi anche 5 cose da non perdere ad Urbania

Articolo pubblicato il 05 Gennaio 2021

Ti potrebbe interessare...

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il Tuo commento una volta scritto, verrà moderato da Viaggi e Sorrisi. Una volta approvato sarà disponibile on line.