5 cose da non perdere a Mondavio

Mondavio è uno dei borghi più belli d’Italia oltre ad essere Bandiera Arancione. La visita a questo borgo ci permette di fare un tuffo nel passato tra Duchi e Duchesse in perfetto stile rinascimentale. La Rocca imponente domina il paese e lo rende affascinante e tutto da scoprire. Il pomeriggio i bambini si radunano nel piazzale e giocano fino a quando il sole dona la sua luce. Il tramonto sulla Rocca di Mondavio è così suggestivo che non si può far a meno di rimanere a guardarlo con occhi innamorati.

Mamma guarda che spettacolo!

E’ il mio puffetto Samu ad esclamarlo davanti al meraviglioso tramonto sulla Rocca di Mondavio.

tramonto-rocca-roveresca-mondavio
Lo spettacolo del tramonto…

Siete curiosi di venire con noi e scoprire passo dopo passo cosa fare e cosa vedere a Mondavio?

Iniziamo subito!

#1 – Visitare la Rocca Roveresca 

Il fascino di questo luogo e’ irresistibile. Se sei giunto a Mondavio non puoi non entrare nella meravigliosa Rocca Roveresca. Ti consiglio di partire proprio dalla visita libera e sempre accessibile al fossato dove sono collocate le macchine da guerra, catapulte e torri mobili, per poi entrare nel cuore della Rocca. E’ Giovanni Della Rovere che commissiona all’architetto Francesco di Giorgio Martini la costruzione che tra il 1482 e il 1492 giunge al termine. La Rocca ci colpisce sia per la forma ottagonale che per la sua maestosità che costituì una inespugnabile Fortezza.

rocca-roveresca-mondavio
La Rocca roveresca di Mondavio

Entrando nella Rocca ci si immerge nella storia, si attraversano cunicoli sotterranei, scale tortuose e si possono osservare alcune ricostruzioni di scene dell’epoca. Vi è inoltre ospitato il Museo di Rievocazione Storia costituito da statue di cera che replicano banchetti, scuderie, torture ed un’armeria!

Sala da pranzo - Rocca di Mondavio
Sala da pranzo – Rocca di Mondavio

Inutile dire che anche i bambini rimangono affascinati dalla visita, io mi ricordo ancora di quando in gita delle scuole elementari ci hanno portato a Mondavio e ci hanno fatto fare un tuffo nel passato… a me sembrava di essermi immersa in una di quelle storie di dame e cavalieri! Insomma il luogo è imperdibile e il fascino che offre unico.

Per saperne di più leggi anche Tutto il fascino della Rocca Roveresca di Mondavio

rocca-roveresca-mondavio-2
Tutto pronto per l’attacco al nemico…

Informazioni

Aperta ogni giorno dell’anno ad eccezione di Natale e la mattina di Capodanno

Orario estivo dalle 9 alle 12 dalle 15 alle 19

Orario invernale dalle 9 alle 12 dalle 15 alle 18

Il biglietto costa 6 euro (ridotto 4 euro) e da diritto all’accesso anche alla Pinacoteca in Piazza Matteotti

panorama-dalla-rocca-mondavio
Una finestra su Mondavio dalla Rocca…

#2 – Assistere ad uno spettacolo al Teatro Apollo

Mondavio si trova nella Regione dei 100 teatri e naturalmente non poteva non essere impreziosita da un teatro. L’ingresso dello stesso si trova in piazza della Rovere, proprio davanti alla Rocca. Ex Chiesa di San Filippo Neri, viene adibito a teatro nel 1887 come testimonia il manifesto storico del primo spettacolo visibile all’interno. Il nome deriva dal bellissimo affresco che si può vedere sul soffitto accedendo al teatro e che rappresenta putti danzanti in circolo intorno ad Apollo.

teatro-apollo- Mondavio
Il Teatro Apollo di Mondavio

Il Teatro, in stile liberty, oggi ha riacquistato una importante funzione culturale grazie all’Associazione Asini Bardasci. Abbiamo avuto la fortuna di incontrare Filippo Paolasini, leader dell’Associazione, che ci ha mostrato ogni angolo del Teatro Apollo e raccontato quanto sia unica la funzione del teatro come punto d’incontro, di aggregazione e di conoscenza, della cultura ma anche del territorio. Ecco quindi che anche il Teatro diventa un luogo per conoscere e conoscersi e avere la consapevolezza di quanto siano grandiosi il nostro territorio e la nostra storia.

Teatro Apollo Mondavio
Dal palchetto…e che lo spettacolo abbia inizio!

#3 – Scoprire e degustare i formaggi di Claudia – “Le Affinità gustative”

Claudia è una figlia d’arte che poco a poco ha realizzato il suo sogno, insieme a mamma Stefania e papà Roberto che rappresentano la storia del formaggio. La famiglia Ridolfi è stata proprietaria per tanti anni di un’azienda agro casearia conosciuta in tutta Italia per l’eccellenza dei prodotti offerti, azienda poi venuta meno a causa della crisi economica. La crisi che si è rilevata, nonostante tutte le difficoltà, un’opportunità da coglie per tuffarsi in un’altra affascinante avventura che oggi è divenuta bellissima realtà. E così Claudia grazie anche all’aiuto e all’esperienza dei suoi genitori preleva dei formaggi da un caseificio locale che lavora solo latte crudo e li affina nella sua grotta.

Le delizie di Claudia...
Le delizie di Claudia…

Il luogo, che abbiamo avuto modo di apprezzare da vicino, è unico: una cantina con il pavimento in arenaria e un’antica grotta sotterranea di tufo, dove i pecorini trovano la temperatura e l’umidità ideali per maturare. Oltre alla classica stagionatura all’interno di orci di terracotta, botti di rovere e cassoni di legno che donano aromi unici, si sperimentano altre tecniche particolari. Ecco allora il Casecc affinato in foglie di noce e l’Ipogeo affinato in paglie ed erbe aromatiche (segrete) solo per citare due degli otto eccellenti formaggi tutti dal gusto unico affinati da Claudia e menzionati tra gli altri anche nelle guide “il Golosario”,” Giallo Zafferano” e “Italia a tavola”.

Oltre che a degustare i formaggi deliziosi di Claudia ti invito a vivere insieme a Lei l’esperienza dell’affinamento in grotta. E sì perché potrai essere proprio al suo fianco e partecipare ad un laboratorio dove in prima persona potrai realizzare i pecorini affinati in grotta e portarlo poi sulla tua tavola per assaporare l’essenza di questi formaggi.

Per visitare la grotta, degustare i formaggi o prenotare l’esperienza del laboratorio chiama Claudia al 333-4911057  

Per qualsiasi altra informazione puoi visitare anche il sito di Affinità gustative 

#4 – Perdersi tra monumenti e i vicoli del centro storico

Il centro di Mondavio è racchiuso tra le mura castellane, per accedere al borgo quindi abbiamo attraversato Porta San Francesco, varco ricavato nel torrione della Rocca, per lasciarci con pochi passi alle spalle la Rocca stessa ed arrivare al centro del paese nella piazza del Municipio dove si può ammirare oltre al Palazzo Comunale la Chiesa di San Francesco ed il suo Chiostro dal quale si accede anche alla Pinacoteca Civica (visita consigliata a tutti gli appassionati d’arte).

chiostro-di-san-francesco-mondavio
Il Chiostro di San Francesco…e l’inarrestabile corsa di Samu!

Ritornando poi verso la Piazza principale ti consiglio di fermarti qualche minuto al Giardino della Chiesa di San Francesco che con i suoi alberi secolari assume un fascino unico ed anche qui si apre un belvedere sulle campagne circostanti che merita di essere ammirato. Proseguendo si arriva fino alla Chiesa, elevata a Collegiata nel 1741 e dedicata ai Santi Pietro e Parterniano. Conservate all’interno le tele dell’Angelo Custode del Bottani e dei Santi Protettori di Mondavio (Sant’Eleuterio Papa e San Michele Arcangelo) del Ceccarini. A poco più di un Km dal centro (direzione Sud sulla strada che conduce a San Michele al Fiume) merita di essere visitata anche la Chiesa di Santa Maria delle Querce. Lungo la strada provinciale che conduce ad Orciano si svolta per via dei cappuccini per vedere il complesso della Chiesa e del Convento dei Cappuccini. Il convento, attivo fino ai primi del ‘900, dopo una fase di ristrutturazione è divenuto un complesso ricettivo per convegni e incontri culturali. Nel parcheggio antistante la struttura un ampio spazio attrezzato per i camper è a disposizione di tutti gli amanti del PleinAir.

convento-cappuccini- mondavio
Il Convento dei Cappuccini

#5 – Passeggiare immersi nella natura 

Lo stemma comunale di Mondavio con l’immagine della colomba riprende proprio la tradizione secondo la quale il borgo sarebbe stato costruito intorno ad un convento francescano su di un terreno donato proprio a San Francesco dalla famiglia Ricci. San Francesco secondo la tradizione avrebbe apprezzato molto questo luogo per la meravigliosa natura e la grande varietà di uccelli, tanto che il nome Mondavio sembra risalire a Mons Avium, “monte degli uccelli”. E devo dire che Mondavio colpisce non soltanto per la bellezza della sua Rocca e del centro storico, ma anche per i paesaggi, per le dolci colline e i monti che si delineano all’orizzonte.

Lo stemma di Mondavio
Lo stemma di Mondavio

E per chi ama respirare aria buona e godersi le meravigliose giornate di sole ci sono delle passeggiate davvero molto belle che attraversano le contrade Valdiveltrica e Montericco. La partenza della passeggiata tra le contrade è direttamente dal centro di Mondavio.
Il primo percorso è lungo circa 7,5 Km e ha un tempo di percorrenza medio di circa 2 ore. C’è poi un secondo percorso di circa 5 km e che può essere percorso in circa 1 ora e mezza. Ma per informazioni più approfondite e dettagliate ti rimando alle ragazze dell’Ufficio del Turismo, Alessandra e Sylvie, davvero molto gentili e disponibili, che ti sapranno dare tante informazioni utili. Se sei appassionato delle 2 ruote potrai trovare tanti altri percorsi ed itinerari tutti da percorrere in bici. Inoltre in alcuni periodi dell’anno vengono organizzati anche giri in vespa, o passeggiate tra i vigneti…esperienze uniche che permettono di fare un tuffo nelle meravigliose campagne mondaviesi.

campagne-mondaviesi
Le meravigliose campagne di Mondavio

Eventi da non perdere

L’evento più atteso dell’anno è senza dubbio la Caccia del Cinghiale (13-14-15 agosto), una delle rievocazioni storiche che animano le Marche nella bella stagione. Gare di tiro con l’arco, spettacoli teatrali, esibizioni e spettacoli di ogni genere attirano ogni anno tantissimi turisti che ammirano affascinati questo piccolo borgo e attendono il momento finale della simulazione dell’incendio della Rocca accompagnato da musiche antiche.

Sempre la Rocca è teatro anche di un altro affascinante evento che si svolge a luglio, le Serate Rinascimentali, dove la visita alla Fortezza diventa animata grazie al gruppo storico. Seguono degustazioni di prodotti eno gastronomici locali.

Noi abbiamo visitato Mondavio a fine gennaio, giusto in tempo per assistere alla festa del Nino di Sant’Andrea di Suasa, un piccolo e grazioso borgo collinare.

Sant'Andrea di Suasa
Il piccolo borgo di Sant’Andrea di Suasa

La festa nasce diversi anni fa, nel 2003, con l’obiettivo di valorizzare e conservare la tradizione della norcineria locale, basata sulla macellazione del maiale. Da qui la festa del Nino, maiale in dialetto pesarese! Una bella giornata passata in allegria, con degustazioni di tante specialità.

Vivamente sconsigliata la partecipazione ai vegani!

La famiglia Maialini...manca solo la porcellina piccina!
La famiglia Maialini…manca solo la porcellina piccina!

Curiosità

Cerchi un luogo unico per dire “SI'” alla tua dolce metà? Mondavio con la meravigliosa Rocca e la sua atmosfera d’altri tempi offre uno scenario da mille e una notte dove la celebrazione del matrimonio assume toni ancora più romantici e speciali. Si può scegliere tra una chiesa o il bellissimo teatro Apollo per dichiararsi amore eterno in uno dei borghi più belli d’Italia.

rocca-mondavio-in-notturna
La Rocca quando scende la notte…

Cosa e dove mangiare a Mondavio

Il piatto del borgo sono i tacconi, una pasta compatta e rugosa preparata con la farina di fave che puoi mangiare solo a Mondavio e dintorni. Noi li abbiamo assaggiati in un’antica locanda, la Palomba, che risale ai primi del Novecento.

i-volti-del-ristorante-la-palomba
La famiglia Cerisoli che da anni esalta i sapori della tradizione marchigiana

Il locale è citato anche da alcune delle più importanti guide culinarie italiane, dalla guida Michelin allo Slow Food da Pirelli a fino ad arrivare alla guida I Vini di Veronelli.

tacconi-piatto-tipico-mondavio
I tacconi allo Sgagg con pancetta croccante

I tacconi allo Sgagg con pancetta croccante (rigorosamente preparati in casa) della Palomba sono conditi solo con lardo e aglio fresco, un piatto tutto da scoprire dal gusto unico e un sapore inimitabile. In questa locanda ti consiglio di gustare anche i formaggi a millimetri 0  affinati da Francesco, il titolare dell’hotel, nella grotta di proprietà. Da provare anche una delle buonissime pizze speciali preparate con i sapori tipici della terra marchigiana. Amo la cucina che porta innovazione rispettando la tradizione ed esalta i sapori e gli odori del territorio, valorizzando la materia prima proveniente dalle campagne circostanti, sarà proprio per questo che i piatti della Palomba mi sono rimasti proprio nel cuore.

Formaggi MOndavio
I formaggi a millimetri 0

A disposizione degli ospiti anche un fornitissimo punto vendita dove acquistare prodotti tipici locali di alta qualità e un libro speciale “Io, non ci voglio andare…”,  scritto da Adele, una delle cuoche della Locanda che regala ricette della tradizione e simpatici racconti. Se sei curioso di scoprirne qualcuno non ti resta che rimanere collegato perché presto ti racconterò qualcosa di questa simpatica raccolta.

Per info e prenotazioni Ristorante La Palomba Tel. 0721.97105

Pizza Le Tre Grazie - Mozzarella nostrana - verdure di campo e salsiccia
Pizza Le Tre Grazie – Mozzarella nostrana, verdure di campo e salsiccia

Dove dormire a Mondavio

A Mondavio siamo stati ospiti di un delizioso albergo a pochi metri dalla Rocca l’Hotel La Palomba, proprietà della famiglia Cerisoli che dal 1980 apre le porte della Locanda a viaggiatori e turisti provenienti da ogni parte del mondo.

L’atmosfera è così famigliare, che ci siamo sentiti come a casa. Le camere sono dotate di tutti i confort, ma di certo la cosa che mi ha affascinato di più è la vista panoramica sulla Rocca.

rocca-al-mattino- mondavio
La meravigliosa vista dalla nostra camera

Nella bella stagione c’è anche una piscina a disposizione degli ospiti per momenti di relax e benessere grazie all’idromassaggio. Noi purtroppo, viste le gelide temperature non l’abbiamo potuta apprezzare…vorrà dire che avremo un motivo in più per tornare a Mondavio!

Per i più sportivi l’hotel offre anche la possibilità di noleggiare bici, eventualmente anche una guida e girovagare nelle campagne mondaviesi alla scoperta di tante meraviglie.

Per i bambini invece c’è un piccolo spazio dedicato, proprio a vicino al bar, dove mentre i grandi leggono il giornale e bevono il caffè, i piccoli si possono fermare a giocare e divertirsi. Un angolo prezioso per chi come noi viaggia sempre con bebè a bordo!

I nostri due puffetti
I nostri due puffetti

Del ristorante e della cucina ti ho già parlato prima, ma non ti ho ancora detto cosa ha esclamato Samu dopo aver assaggiato le delizie della locanda:

Mamma, ma perché a casa non le facciamo mai queste cose così buone?

E si sa, i bambini dicono sempre la verità!

Per info e prenotazioni visita il sito Hotel La Palomba

hotel-la-palomba
L’Hotel La Palomba di Mondavio…a due passi dalla Rocca – Photo Credit Hotel La Palomba

Ho fatto innamorare anche te di Mondavio? Immagino proprio di si, perché il suo fascino è davvero unico ed è davvero difficile resistere. Se non ti vuoi perdere nessuno dei nostri itinerari in giro per le Marche e per il Mondo non devi far altro che iscriverti alla newsletter o seguirci su Facebook (clicca mi piace).

Per saperne di più 

Leggi anche Rocca Roveresca di Mondavio

Visita il sito Mondavio Turismo

Scopri i miei itinerari in provincia di Pesaro Urbino 

 

Ti potrebbe interessare...

2 Commenti

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Il Tuo commento una volta scritto, verrà moderato da Viaggi e Sorrisi. Una volta approvato sarà disponibile on line.