5+1 cose da non perdere a Sassoferrato

Sassoferrato, cosa fare e vedere in uno dei borghi più belli d'Italia

di Marta
sassoferrato
Sassoferrato (An) è uno dei borghi più belli d’Italia. Ho avuto il piacere di scoprire questo luogo insieme alla mia famiglia grazie alla guida sapiente e interessante dei ragazzi di Happennines (Marco, Marzia e Gaia).
Saxum Ferratum, Sasso cinto al Ferro, è il nome di questo luogo conferitogli dai Conti Atti che ne definiva la potenza e la resistenza della costruzione.
Ecco le tappe del nostro tour.
sassoferrato

Sassoferrato – Photo Credit Giuliano Betti

Sassoferrato (An) l’antica città di Sentinum

Cosa fare e vedere a Sassoferrato 

1. Visita guidata del Centro Storico del Castello di Sassoferrato 

Visitare Sassoferrato è stata una scoperta continua. Divertente e coinvolgente anche per i bimbi che si sono divertiti a cercare alcuni punti di interesse del paese con dei dispostivi GPS forniti dai ragazzi di Happennines, ambasciatori del territorio che accolgono ogni giorno turisti provenienti da ogni parte del mondo per mostrare tutta la bellezza di Sassoferrato.
Nella visita del centro storico le nostre tappe sono state:
  • Rocca Albornoz, una massiccia costruzione militare risalente al XIV Sec. che è il simbolo della città di Sassoferrato
rocca albornoz sassoferrato
  • Chiesa di San Pietro. Le sue origini sono ignote ma è da supporsi che sia sorta col primitivo castello feudale (1245-1275)

chiesa di san pietro

  • Vicolo di Santa Chiara, uno degli scorci più affascinanti e instagrammabili di Sassoferrato.

vicolo santa chiara sassoferrato

Altri punti in interesse della città sono:
  • Palazzo dei Priori che ospita il Museo Archeologico e la Raccolta Perottiana del quale ti parlerò successivamente,
  • Palazzo Montanari dove è custodito il Museo delle Arti e Tradizioni Popolari,
  • Palazzo Merolli sede del MAM’S, Galleria di Arte Contemporanea,
  • Palazzo Oliva che ospita una raccolta d’Arte,
  • Mulino della Marena purtroppo oggi non visitabile in seguito all’alluvione che ha colpito anche Sassoferrato nel 2022, speriamo si possa tornare presto ad ammirarlo.
sassoferrato molino della marena

2. Parco Archeologico di Sentinum, uno dei siti archeologici più rilevanti delle Marche.

La città visibile oggi non esisteva in epoca romana. Nella pianura sorgeva la prosperosa città di Sentinum. Qui sono ancora oggi visibili i resti archeologici che vanno dal I secolo a.C. al V secolo d.C. Le sorti di questo luogo furono decise dalla grande Battaglia delle Nazioni nell’anno 295 a.C. che vide scontrarsi i Romani con le popolazioni italiche e celtiche.

Gaia, l’archeologa che ha guidato la nostra visita, ci ha portato alla scoperta dell’antica città romana.
visita guidata sentinum sassoferrato
Oggi sono visibili i resti di un impianto termale pubblico urbano e di uno extra-urbano, colonne di granito, fondamenta, tracce di pavimenti ed una bottega di fusione del metallo.
Per saperne di più visita anche la pagina www.sassoferratoturismo.it/archeologia

3. Visita guidata al Palazzo dei Priori

Il Palazzo oggi ospita:
  • il Museo Archeologico di Sassoferrato che contiene reperti provenienti dall’antica città di Sentinum. Al piano terra il plastico de “La Battaglia delle Nazioni” svoltasi nel 295 a. C. proprio a Sassoferrato. A Luglio proprio a Sassoferrato è possibile partecipare alla rievocazione storica della battaglia.
museo archeologico a sassoferrato
  • la Raccolta Perottiana che tra l’altro ospita una preziosa opera d’arte bizantina del XIV secolo, l’Icona di San Demetrio.

collezione perotti sassoferrato

Il reliquiario contiene una piccola ampolla in piombo nella quale fu trasportato il “santo balsamo” che sgorgava dalla tomba del Santo.

4. Visita all’ Abbazia di Santa Croce

Loredana e Sandro ci hanno accolto in questa meravigliosa Abbazia e ci hanno raccontato la storia dell’Abbazia di Santa Croce che è senza dubbio una delle più importanti testimonianze di architettura romanica delle Marche.
L’abbazia è un complesso architettonico appartenente ad un gruppo di quattro meravigliose chiese delle Marche:
Abbazia di San Vittore - Frasassi

Abbazia di San Vittore – Genga

abbazia santa maria delle moie

Abbazia di San Claudio Corridonia

Le abbazie sono tutte datate tra l’XI ed il XII secolo.
L’Abbazia di Santa Croce a Sassoferrato fu costruita intorno al XII secolo dai Conti Atti, in gran parte con materiale proveniente proprio dalla città romana di Sentinum.
Sull’altare maggiore una pala, del 1524, raffigurante San Benedetto tra quattro Santi e sei monaci in preghiera, opera di Pietro Paolo Agabiti, pittore, scultore ed architetto Sassoferratese del XV secolo.
altare abbazia di santa croce
Molto affascinante la visita dell’Abbazia dall’alto.
Altri chiese che meritano una visita a Sassoferrato sono:
  • chiesa di San Michele Arcangelo
  •  l’imponente chiesa di Santa Maria del Ponte del Piano
  • la chiesa di Santa Teresa d’Avila
  • il convento di Santa Maria della Pace

5. Parco Archeominerario di Cabernardi, la miniera di zolfo più grande d’Europa.

Una realtà che per lunghi anni ha fatto da traino all’economia di un’ampia zona, da Sassoferrato ad Arcevia, a Pergola ed oltre, in cui operavano in media circa 1.600 minatori.
Presente anche un Museo con tanti interessanti reperti storici.

 

parco archeominerario miniera di zolfo di cabernardi

Parco Archeominerario Foto di Igor Guerrini

Per tutte le informazioni sul Parco Archeominerario di Cabernardi leggi anche ⇒ Cabernardi la miniera di zolfo più grande d’Europa

6. Arrivare fino in cima al Monte Strega

Altro luogo che mi affascina di Sassoferrato è il Monte Strega. Per raggiungere la sua vetta si può lasciare l’auto nei pressi del parco dei daini e dopo aver salutato le dolci bestiole ci si può incamminare verso la cima del Monte.
monte strega sassoferrato
Per arrivare in cima è necessaria almeno 1 ora di cammino ma il meraviglioso panorama e la natura ti ripagheranno ampiamente della fatica fatta.
Monte Strega Sassoferrato

Monte Strega – Photo Giuliano Betti

Per conoscere l’itinerario e altri dettagli di questo trekking leggi anche Fino alla vetta del Monte Strega
Informazioni utili per visitare Sassoferrato

Per visitare Sassoferrato ti consiglio di rivolgerti ai ragazzi di Happennines. Oltre alle visite ai vari musei puoi prenotare tante meravigliose esperienze attraverso il sito www.sassoferratoturismo.it

Orari di apertura dello Iat

Novembre – Marzo Tutti i giorni 10.00 – 13.00 e 14.30 – 17.30

Aprile – Ottobre  Tutti i giorni 10.00 – 13.00 e 15.30 – 18.30

sassoferrato angolo

Riferimento telefonico  +39 0732 956257

+39 333 7301732

+39 333 7300890

Oppure puoi rivolgerti a iat.sassoferrato@happennines.it

Biglietto unico Musei Sassoferrato 

Ti ricordo che puoi visitare Sassoferrato e le sue bellezze usufruendo di un biglietto unico ad un prezzo vantaggioso che consente l’ingresso:
?al Museo delle Arti e Tradizioni popolari
?al MAM’S, galleria di arte contemporanea
?riduzione ingresso al Parco Minerario di Cabernardi
La card ha una validità di 3 mesi.
Un grazie particolare a Marco, Marzia e Gaia di Happennines che hanno reso il nostro tour a Sassoferrato ancora più bello e interessante con i loro racconti e le loro storie.
sassoferrato con happennines

Dove Mangiare a Sassoferrato

Nel tour ci siamo fermati a pranzo nel ristorante Agriturismo Antico Muro dove Guido e Maria Luisa ci hanno permesso di degustare prelibati piatti tipici. Ottimi i Pincinelli, una gustosa pasta fatta in casa con farina, acqua e lievito, condita con ceci e salsiccia.

pincinelle salsiccia e ceci

Gustosissimo il coniglio in porchetta e deliziosa la crema chantilly al cioccolato. Il locale si trova proprio all’interno del Parco Archeologico di Sentinum.

coniglio in porchetta sassoferrato

Sosta golosa

Per una breve sosta golosa, per bere un drink o per trascorrere la serata ti consiglio invece di fare una sosta al Bar Castello che si trova nel cuore del centro storico.

Prima di salutare Sassoferrato ci siamo fermati ancora qualche minuto a bere un drink  al Bar Castello.

bar la rocca sassoferrato

Cosa degustare a Sassoferrato

Ecco alcune delizie di Sassoferrato da degustare:

  • Castagnole sbollentate sassoferratesi
  • Pizza al formaggio

  • Ciambella all’anice
  • Panzanella
  • Brustenga
  • Maccheroncini sassoferratesi 
  • Salumi e formaggi locali

sagre nelle marche distinti salumi

Dove dormire a Sassoferrato

Proprio vicino all’antica città romana Sentinum si trova l’Agriturismo Antico Muro.

Sai perché proprio Antico Muro? Nel corso della ristrutturazione del casale, proprio sotto alla struttura sono stati rinvenuti i resti di un’antica muraglia risalente all’età romana.

agriturismo antico muro sassoferrato

Qui Guido accoglie i suoi ospiti in camere che affacciano sul parco archeologico di Sentinum, sull’abitato di Sassoferrato con vista sulla splendida Rocca di Albornoz e dei monti Cucco, Motette e Strega.

Area Sosta Camper a Sassoferrato

L’area camper comunale di Sassoferrato è sita all’interno del Centro abitato in Piazzale Dante, coordinate 43°25’52,73” N e 12°51’14,29” E. L’area è alberata e confinante con un’area verde di 320mq dotata di barbecue, prato per picnic, panchine, tavoli, area giochi. L’area è asfaltata, a terra sono delimitate n. 8 piazzole di sosta, è illuminata da lampioni stradali, è già dotata di piattaforma e pozzetto autopulente con impianto idraulico e collegato alla fognatura comunale per lo scarico delle acque reflue provenienti dai serbatoi dei caravan, è fornita di una colonnina di servizio adibita a fontana ed una per l’energia elettrica con prese di corrente (erogata a pagamento).

scorcio di sassoferrato

Anche l’Agriturismo Antico Muro del quale ti ho parlato sopra dispone di quattro piazzole camper attrezzate con allaccio elettrico, possibilità di carico e scarico acque, docce, acqua calda e fredda e bagno privato.

Eventi da non perdere a Sassoferrato 

Ecco alcuni degli eventi da non perdere a Sassoferrato:

  • Rievocazione storica della Battaglia delle Nazioni a fine Luglio
  • Rappresentazione Sacra della Passione nel periodo pasquale
  • Palio della Miniera di Cabernardi a metà Agosto

  • Vintage Event ad Agosto
  • Presepe di Coldellanoce nel periodo natalizio

Cosa vedere nei dintorni di Sassoferrato

Ti consiglio di unire la visita di Sassoferrato ad altre affascinanti tappe dell’entroterra marchigiano. Puoi visitare a meno di 30 minuti di auto:

cosa fare e vedere a Pergola

cosa fare e vedere a Pergola

  • Arcevia la perla dei Monti
Arcevia

Arcevia la perla dei monti – Photo Credit Giuliano Betti

loretello arcevia

Loretello uno dei 9 castelli di Arcevia

grotte di frasassi genga

Se ti è piaciuto l’articolo e l’hai trovato utile condividilo con i tuoi amici e passa a trovarmi più spesso. Se metti un like alla mia pagina Facebook  e ti iscrivi alla newsletter  ti porterò con noi a spasso per le Marche e per il Mondo! Segui le nostre avventure anche su Instagram!

Per saperne di più 

Potrebbe interessarti